Basilicata: povera terra ricca di petrolio

20 giu. – Nelle scorse settimane la Consulta ha negato alla Regione Basilicata il diritto di dire no alle attività estrattive e di ricerca di petrolio. Un assalto che potrebbe coinvolgere 5mila kmq, cioè più della metà della superficie.

I conti li ha fatti Legambiente regionale, in un report presentato a gennaio. La ricchezza del sottosuolo si sta trasformando in guadagni enormi per le compagnie (Eni, Total e Shell) e inquinamento per il territorio.

Marco De Biasi è presidente di Legambiente Basilicata, l’abbiamo intervistato a kmZero

Nella foto, di Basilicata Turistica, il Centro olii di Viggiano.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.