Ballottaggi. In Emilia-Romagna a Ferrara storica vittoria della Lega

10 giu. – Sarà Alan Fabbri il prossimo sindaco di Ferrara. Il candidato leghista a capo di una coalizione di centro destra ha sconfitto Aldo Modonesi (Pd). Inutili per Modonesi gli apparentamenti del secondo turno. Per Ferrara, da sempre governata dal centro sinistra, una svolta storica. Fabbri, già sindaco di Bondeno e candidato per la Lega in Regione Emilia-Romagna, aveva un considerevole vantaggio già al primo turno e l’ha spuntata con il 56% dei consensi.

“E’ una vittoria storica, non solo per Ferrara, ma anche per tutta l’Emilia-Romagna. E’ la vittoria di una squadra – ha detto Fabbri, accompagnato dalla sottosegretaria Lucia Bergonzoni e da Vittorio Sgarbi – che ha costruito un progetto per la città. Credo che questo risultato, insieme a quello di Forlì, sia una chiave di volta anche per le prossime elezioni regionali”.

      Alan Fabbri

Ferrara, si dimette la segretaria del Pd Baraldi: “Ma ora nel partito aria nuova”

Anche a Forlì vince il candidato della destra a trazione leghista Gian Luigi Zattini (52%), sconfitto il dem Giorgio Calderoni. “Abbiamo vinto perché abbiamo proposto il cambiamento, e la gente voleva vedere cosa c’è di là dalla porta. Si era stufata di un sistema e ha preso la nostra proposta di cambiamento come il futuro della città”, ha spiegato a caldo Zattini.

      Gian Luca Zattini

 

A Reggio Emilia, invece, il sindaco Pd Luca Vecchi (che come Fabbri si era fermato a pochi passi dalla vittoria al primo turno) ha centrato una conferma mai in discussione, con un consenso pari 63%. A Cesena Enzo Lattuca, parlamentare Pd, sconfigge (55%) il suo avversario di centro destra e diventa il nuovo sindaco della città.

 

La situazione provincia per provincia
In provincia di Reggio si votava anche a Casalgrande, 19 abitanti e quarto posto in provincia per popolazione. Il centrosinistra in vantaggio col 38% al primo turno esce sconfitto al ballottaggio, forse complici anche i 5 Stelle con il loro 16%. Sarà sindaco il civico Giuseppe Daviddi col 50,97% dei voti.

In provincia di Modena (il capoluogo confermato al primo turno al sindaco Pd uscente Muzzarelli) si votava in quattro comuni: a Mirandola, a Castelfranco Emilia, Carpi e Maranello. L’unico comune a cambiare colore è Mirandola che passa alla Lega e al suo candidato Alberto Greco (53,82%).  Maranello resta al Pd, sindaco sarà Luigi Zironi col 65% dei voti. Indietrissimo il centro destra al 34%. Il Pd e la sua coalizione col 55% vince anche a Castelfranco, sindaco sarà Giovanni Gargano. A Carpi il centrosinistra trionfa col 60%, sindaco sarà Alberto Bellelli.

In provincia di Bologna l’unico comune al ballottaggio era Molinella. Il sindaco dem Dario Mantovani riconfermato al secondo mandato col 59% dei voti.

In provincia di Forlì-Cesena oltre alle due grandi città finite rispettivamente al centro destra (Forlì) e al centro sinistra (Cesena) si votava anche a Savignano sul Rubicone. La coalizione Pd vince col 56% dei voti. Sindaco sarà Filippo Giovannini.

A Ferrara oltre che nel capoluogo si votava ad Argenta e a Copparo. Ad Argenta per un soffio vince il centro sinistra di Andrea Baldini (50,17%), a Copparo il centro destra di Fabrizio Pagnoni vince col 56% dei voti.

 

      Balloggi - Ferrara e Forlì passano alla destra

 

Riepilogo regionale
Al centro sinistra dopo il ballottaggio: Reggio, Cesena, Castelfranco Emilia, Carpi, Maranello, Molinella, Savignano sul Rubicone, Argenta.

Ai civici dopo il ballottaggio Casalgrande.

Al destra dopo il ballottaggio: Ferrara, Forlì, Mirandola, Copparo.

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.