“Avete rubato”. Renzi annuncia querela contro chi lo contestò sul Salvabanche

Bologna, 17 apr. – Matteo Renzi chiede i danni a “chi mi ha accusato di essere un ladro per la vicenda banche”. E’ lo stesso ex premier ad annunciarlo, con la sua newsletter. “Avevo promesso di iniziare a chiedere i danni per le infamie che ho ricevuto in questi anni. E vi avevo garantito che vi avrei tenuti informati”, scrive Renzi, rivelando i destinatari dei “primi dieci atti formalmente predisposti oggi”. In fondo all’elenco c’e’ anche chi ha dato a Renzi del “ladro” per la vicenda banche. Cosa che accadde anche a Bologna, alla fine del 2017, durante una visita dell’allora segretario Pd alla Festa dell’Unità. Una signora di Ferrara, ex risparmiatrice Carife, esponendo una bandiera “No salva-banche” interruppe Renzi urlando: “Voi avete rubato“. Dal palco, Renzi rispose: “‘Voi avete rubato lo dice a sua sorella, si metta a sedere”. Successivamente, il Pd decise di presentare querela contro la donna, ma poi ci ripensò.

Renzi alla signora che ha perso tutti i risparmi: “Rubato lo dice a sua sorella”

Le altre richieste di risarcimento annunciate da Renzi riguardano: “Piero Pelu’ per avermi definito in diretta Tv al concertone ‘boy-scout di Licio Gelli’; Marco Travaglio per le immagini offensive in uno studio Tv; ‘Il Fatto Quotidiano’ per avermi attribuito la realizzazione di leggi ‘ad cognatum’; la giornalista Rai Costanza Miriano per aver sostenuto che i bambini morti in mare sono morti per colpa ‘di un porto aperto da Renzi’; lo chef Vissani per avermi definito ‘peggio di Hitler’; la giornalista D’Eusanio, per avermi insultato in Tv; il ministro Trenta e la senatrice Lupo, per le dichiarazioni sull’aereo di Stato; le ‘Cronache di Caserta’ per un editoriale ancora sull’aereo di Stato; ‘Panorama’, sulla vicenda Paita-alluvione di Genova”. Ma questo “ovviamente e’ solo l’inizio”, mette in chiaro Renzi, aggiungendo: Vi terro’ informati sul quantum e sulla destinazione dei risarcimenti”. (Dire)

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.