Aumenti bus. I sindacati al Comune: “Scorretti”

19 lug. – La manovra sugli aumenti decisa dalla giunta di Palazzo d’Accursio ha dato parecchio fastidio ai sindacati confederali. I segretari confederali hanno messo nero su bianco il loro malumore in un comunicato congiunto con cui accusano il Comune di scorrettezza e chiedono quanto prima un incontro con il Sindaco Virginio Merola.

Secondo Danilo Gruppi, segretario della Camera del Lavoro, la scorrettezza di Palazzo d’Accursio sarebbe duplice. Rispetto alla modalità, Gruppi e soci contestano il fatto che la nota di ieri, con cui il Comune ha informato dell’aumento dei biglietti, sia stata diffusa dopo che l’incontro in corso a Palazzo d’Accursio con le organizzazioni sindacali era stata aggiornato alla settimana prossima. Nel merito della manovra tariffaria, Cgil, Cisl e Uil contestano la decisione dopo che in sede di bilancio sindacati e amministrazione avevano concordato che non ci sarebbero stati aumenti delle tariffe.

“Aumentare il biglietto dell’autobus – affermano i tre sindacalisti –  significa colpire i soggetti più deboli (studenti, pensionati, disoccupati e lavoratori) che utilizzano la rete dei trasporti pubblici locali. Fasce deboli che già stanno pagando a caro prezzo le conseguenze della crisi” scrivono nel comunicato congiunto Gruppi, Alessandro Alberani e Gianfranco Martelli.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.