Aria Pesa nelle scuole. Oltre 10mila studenti respirano smog e inquinamento

Bologna, 20 mar. – Liceo Righi e Malpighi, scuole Manzolini, Galvani e Coop Azzurra, l’Istituto Salesiano: sono queste le scuole dove studenti e studentesse respirano quotidianamente un’aria ben più inquinata dei limiti consentiti dalla legge. A rilevarlo è stata la seconda campagna di monitoraggio dell’aria promossa dalla rete civica Aria Pesa proprio su iniziativa dei comitati di genitori preoccupati per i risultati emersi lo scorso inverno. Il metodo di analisi è stato lo stesso ma questa volta i 215 campionatori passivi sono stati installati negli ingressi o nei cortili di oltre il 70% dei plessi scolastici, misurando le concentrazioni di NO2 dal 16 ottobre al 13 novembre 2018.

Le analisi di laboratorio parlano chiaro: nel 40% dei casi i valori del biossido di azoto NO2 sono superiori ai limiti di legge. Ragazzi e ragazze che frequentano le scuole immerse in quest’aria sono circa 10.000, la metà in età 0-6. Di questi, il 10% è uguale o supera il limite del 22,5%: un’aria pessima, peggiore della stazione di rilevamento Arpae di Porta San Felice scelta come riferimento per il 2018. Analizzando l’ambiente circostante, il dato più critico riguarda le scuole poste in prossimità di centri commerciali, perché in questi casi nessuno dei campionatori ha valori di aria buoni. “Bisogna fare una valutazione di impatto sulla salute”, dice Luca Basile di Aria Pesa, facendo attenzione a quando si costruisce un centro commerciale vicino alla scuola.

      Aria Pesa. Interviste a Basile, Pecce (comitato genitori), pediatra Ballestrazzi

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.