Anche a Bologna il “No Mondadori day”

30 ago. – Anche sotto le Due Torri il prossimo 10 settembre sara’ “No Mondadori day“. L’iniziativa ideata da Gianfranco Mascia, attivista del Popolo viola e dei comitati “Boicotta il Biscione”, ha radunato quasi 6.000 persone su internet, che hanno aderito alla campagna di boicottaggio nei confronti dei libri e dei prodotti a marchio Mondadori. Il prossimo 10 settembre, si ritroveranno davanti alle librerie Mondadori di tutta Italia, a Bologna in via D’Azeglio, per chiedere alle persone di non comprare più libri e prodotti della casa editrice e cercando di convincere gli autori a non pubblicare più con la Mondadori. L’iniziativa contesta la norma approvata in Parlamento a favore della Mondadori, con la quale la casa editrice “potrà
risparmiarsi di versare 350 milioni di euro di imposte all’erario italiano”. Sono partite anche migliaia di lettere a molti scrittori, come Roberto Saviano, Vittorio Zucconi, Corrado Augias, Vito Mancuso e Francesco Guccini. La richiesta di cambiare casa editrice, però, è caduta nel vuoto. L’ultimo a rispondere è Carlo Lucarelli, che sulle pagine dello stesso sito “Mondadori? No, grazie” spiega le ragioni del dissenso. “Condivido l’indignazione per l’ennesima legge-porcata contro la quale non mi risparmierò dall’esprimere il mio dissenso e la mia rabbia – scrive Lucarelli – ma non farò quello che mi si chiede. Non voglio lasciare un patrimonio di cultura, di civiltà e di democrazia come è il catalogo Einaudi e in gran parte anche Mondadori nelle mani di quello che anch’io considero una delle grandi sciagure di questo paese”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.