Al Savignano Immagini va in scena la fotografia italiana

67 Guido Guidi, Spilimbergo, 1994

Guido Guidi, Spilimbergo, 1994

29 set. – Come sta la fotografia in Italia? A tentare di dare una risposta sarà il Savignano Immagini, il festival di fotografia che dal 3 al 5 ottobre animerà il centro di Savignano sul Rubicone con la sua 23esima edizione.

Il tema di questa edizione, infatti, sarà “laboratorio Italia”: un racconto del Paese in immagini, una mappatura fotografica regione per regione che va dai grandissimi maestri come Guido Guidi (in foto), Gianni Berengo Gardin ai giovani progetti come Terra Project. In tutto, le giovani realtà italiane, saranno trentacinque. E poi spazio alla formazione – con laboratori, masterclass e atelier guidati dagli esperti del settore – e ai premi, con il Marco Pesaresi Awards, il Premio Labò e quello per il miglior portfolio 2014. 

La grande novità di quest’anno, però, è il SI Fest After: un veicolo musicale dei contenuti culturali del festival destinato alla riproduzione e alla mappatura delle onde sonore e delle vibrazioni, generate dalle più disparate sorgenti, che si propagano nell’ambiente circostante. Un’invasione di concerti, performance e dj set del centro storico di Savignano durante i giorni inaugurali.

Continua dal 2009, inoltre, l’esperienza parallela del SI Fest OFF, nato sulla falsariga del voice off di Arles e dell’OFF di Reggio Emilia, che dà spazio ai talenti emergenti ed indipendenti della fotografia, selezionati tramite un bando pubblico. Tra i selezionati, Cristina Brolli, Lorenzo Mini, Collettivo Domino, Saverio Simoncelli. Saranno in programma al SI Fest OFF, oltre alle mostre fotografiche, anche installazioni, video e performance.

Ascolta un estratto dell’intervista fatta durante Palomar a Maura Pazzaglia, Assessore alla cultura del comune di Savignano sul Rubicone:

      Savignano

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.