Adattamenti. Prepararsi al maltempo via sms ed eliminare la plastica monouso

Foto pubblicata su Twitter

6 nov. – Tutti i giorni alle 11 nella sede dell’agenzia per la Protezione Civile dell’Emilia-Romagna si svolge una riunione e da quella sala operativa, circa una mezz’ora dopo, si esce con un bollettino o un’allerta. “Dall’inizio dell’anno abbiamo rilasciato 96 allerte, una ogni tre giorni, e 179 bollettini”, calcola Rudi Ghedini, responsabile della comunicazione della Protezione Civile regionale. “Un’azione complessa”, che aggiunge a una valutazione degli eventi meteorologici le previsioni su quel che accadrà. Questo è il primo passaggio verso la comunicazione dell’allerta per eventi estremi, che viene diramata anche attraverso i “servizi dell’ultimo miglio”: un sistema che raggiunge il cittadino con un sms, whatsapp o una telefonata e lo prepara a quello che succederà.

Oggi è il Global Refill Day, come racconta Giuseppe Ungherese, responsabile della campagna Inquinamento di Greenpeace, promotrice dell’iniziativa. Una giornata per “sensibilizzare sulle reali alternative agli imballaggi in plastica monouso. Vediamo quotidianamente quanta plastica siamo costretti a utilizzare nei nostri acquisti quotidiani e oggi davanti ai supermercati i nostri volontari illustrano quali sono le reali alternative agli imballaggi: contenitori riutilizzabili, sfuso, ricarica. Soluzioni per contrastare l’enorme produzione di plastica usa e getta che produce effetti devastanti sull’ambiente”.

All’interno della puntata di oggi gli appuntamenti con le rubriche Di bocca in bocca di Enrica Rotondo e Pensatech di Damiana Aguiari.

      Adattamenti - 6 novembre 2019

Roberta Cristofori

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.