Adattamenti. L’Australia brucia e il Mediterraneo è invaso dalla plastica

Foto pubblicata su Flickr

7 gen. – Iniziamo il 2020 dall’Australia, dove gli incendi stanno bruciando milioni di ettari di foreste. Da settembre ad oggi sono state 24 le persone a perdere la vita e milioni gli animali. Luca Iacoboni, responsabile campagna clima di Greenpeace Italia, spiega che “si tratta dell’aggravamento enorme di fenomeni che prima già c’erano”, perché l’Australia è da sempre un territorio a rischio ma “la stagione degli incendi si è allungata” anche a causa dei cambiamenti climatici. “È un’emergenza ambientale di vastissima portata – aggiunge il professore di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Davide Ascoli, dell’Università di Torino – con 306 milioni di tonnellate di anidride carbonica emesse in atmosfera secondo la Nasa, quasi quanto hanno emesso tutti gli australiani con le attività nel 2018″. Oltre alle specie animali e vegetali, a subirne le conseguenze è anche l’economia. Il meteorologo Andrea Giuliacci ragiona proprio a partire dai dati diffusi dal Dipartimento dell’Agricoltura australiano, che ha stimato un crollo del 22% dei profitti del settore agricolo negli ultimi 20 anni, proprio a causa dell’aumento delle temperature.

Dall’Australia al Mediterraneo, invaso dalle plastiche. A dirlo è uno studio sull’impatto dei rifiuti sulla vita marina nel Mediterraneo, a cui ha collaborato anche Ispra, nel quale si evidenzia il fatto che la maggior parte di questi siano plastiche (circa il 90%) e che ben 116 specie marine le hanno ingerite. Ma non solo, perché la plastica può colpire gli organismi marini attraverso l’ingestione ma anche attraverso l’intrappolamento o come portatori a grandi distanze di possibili malattie. “La quantità di rifiuti che arriva in Mediterraneo sono enormi a causa di una cattiva gestione dei rifiuti”, commenta il ricercatore di Ispra Tomaso Fortibuoni, che ha condotto la ricerca. “L’Italia è al terzo posto dopo Turchia e Spagna”, aggiunge, spiegando che la cattiva gestione parte principalmente “a terra, perché ad esempio quando si butta il mozzicone di sigaretta nel tombino, questo probabilmente arriverà in mare”. Ed è proprio da lì che deve partire il cambiamento nelle piccole azioni quotidiane.

Nella puntata di oggi le rubriche Pensatech e ‘A nessun piace caldo’ dedicata al koala, uno degli animali più colpiti dagli incendi in Australia

      Adattamenti - 7 gennaio 2020

Roberta Cristofori

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.