Adattamenti. La petizione dei climatologi: “Il surriscaldamento è di origine antropica”

Il surriscaldamento globale è di origine antropica. E’ urgente e fondamentale affrontare e risolvere il problema dei cambiamenti climatici”: è l’incipit della petizione scritta da climatologi e scienziati italiani come risposta a quella negazionista con la quale alcuni accademici avevano chiesto alle più alte cariche dello Stato di interrompere ogni iniziativa finalizzata a ridurre le emissioni di anidride carbonica. Roberto Buizza, fisico all’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e coordinatore dell’iniziativa federata sulla climatologia con Scuola Normale Superiore e Scuola IUSS Pavia, è il promotore della risposta di quanti di clima si occupano ogni giorno. E la richiesta, supportata al momento da 280 firme di accademici e intellettuali, rivolta anch’essa alle più alte cariche dello Stato è di fare di più sul fronte della riduzione delle emissioni di gas clima alteranti. “Chiediamo che l’Italia segua l’esempio di molti paesi Europei e decida di agire sui processi produttivi ed il trasporto, trasformando l’economia in modo da raggiungere il traguardo di ‘zero emissioni nette di gas serra’ entro il 2050”. Insomma, un invito politico diametralmente opposto a quanto sbandierato dai negazionisti.

Nella seconda parte della trasmissione, Gaetano Palombelli, responsabile Statistica dell’Unione delle Province italiane, ha spiegato il progetto “BES delle Province 2019” il cui obiettivo è di arrivare alla misurazione del benessere equo e sostenibile “secondo una concezione multidimensionale del benessere, attenta sia ai parametri economici sia a quelli sociali e ambientali, corredati da misure di diseguaglianza e sostenibilità”.

      Adattamenti_Buizza_Palombelli_100719

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.