Condannato a otto anni per violenza su un ragazzo

E’ stato condannato con rito abbreviato a 8 anni di reclusione S.M., il commesso della Procura di Bologna, arrestato a maggio del 2008 con l’accusa di violenza sessuale aggravata a danno di un quindicenne, conosciuto nella parrocchia dove l’uomo ha fatto per anni il catechista. Secondo l’accusa, l’episodio non era rimasto isolato. All’udienza preliminare si è costituito come parte civile un altro ragazzino, non di Bologna, che durante le indagini ha riferito di essere stato contattato via chat dall’imputato. Secondo l’accusa, che aveva chiesto la condanna a 6 anni, l’uomo-di cinquantanni- avrebbe usato più volte lo strumento della chat per condividere con altri ragazzi minori di 16 anni immagini a sfondo sessuale. La polizia postale ha trovato sul suo computer brani di conversazioni in cui offriva ospitalità ai minorenni e parlava esplicitamente di rapporti, per questo è stato raggiunto da una seconda ordinanza di custodia cautelare per violenza sessuale e detenzione e diffusione di immagini pedopornografiche finalizzate all’adescamento dei minorenni.

S.M. si trova in carcere da quando i genitori del quindicenne lo hanno denunciato; proprio a lui avevano fatto cresimare il figlio, adottato dalla coppia. Il ragazzo aveva raccontato a loro, per primi, degli abusi, avvenuti a casa di S.M. Nel corso delle indagini, un uomo di 35 anni si è rivolto alla polizia per denunciare di essere stato violentato all’età di circa 13 anni dal commesso.

Il difensore di S.M. Nicola Chirco ha preannunciato il ricorso in appello.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.