2 agosto. Yuri, che voleva fare il macchinista, suona il segnale del minuto di silenzio

Bologna, 2 ago. – Tre suoni, che partono da un locomotore sul primo binario della Stazione di Bologna, sono quelli che ogni anno danno il via al minuto di silenzio in ricordo delle 85 vittime della strage del 2 agosto 1980.
Quest’anno quel segnale è stato anche il simbolo di un piccolo riscatto, quello di un sogno spezzato dalla bomba fascista, il sogno di Yuri Zini che il 2 agosto 1980 aveva 6 anni e che, da grande, voleva fare il macchinista, voleva guidare i treni.

A distanza di 39 anni da quel giorno, durante la commemorazione, mentre tutti i famigliari delle vittime salivano sul paco di piazza delle Medaglie d’Oro, Yuri si è diretto sul primo binario, dove c’era il locomotore. E’ salito sul locomotore, emozionato e, accompagnato dai ferrovieri presenti, ha suonato alle 10.25 il segnale che ha ammutolito la piazza.

“Sono felice e commosso” ha detto ai nostri microfoni appena sceso dai gradini del treno. “Mi è stata data la possibilità di fare una cosa che mi era stata negata tanti anni fa”.

      Yuri Zini - Radio Città del Capo

 

La testimonianza di Yuri Zini nella trasmissione “I bambini e la Stazione”

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.