2 agosto. Renzi dà forfait, il Governo manda Poletti

Bologna, 30 lug. – Il Governo invierà il ministro del Lavoro Giuliano Poletti alle celebrazioni in ricordo della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 che si terranno sabato sotto le Due torri.

Confermato dunque il forfait del premier Matteo Renzi, a lungo corteggiato, specie dopo la sua decisione di desecretare gli atti relativi a molte stragi italiane. Una decisione che gli è valsa molte lodi dall’associazione dei parenti delle vittime impegnata a fondo per scoprire i mandanti della bomba che causò 85 morti e 200 feriti. Ma per i familiari va benissimo anche Poletti: “E’ molto positivo che venga lui- afferma parlando alla ”Dire” Paolo Bolognesi, presidente dell”associazione dei parenti- perché è il ministro del Lavoro e, visto che per la questione degli indennizzi previdenziali ci scontriamo con una opposizione feroce dell’Inps, lui è la persona più adatta” per affrontare il tema e prendersi degli impegni per superare l’impasse che da anni fa tanto ”arrabbiare” i familiari. “Se veniva Renzi, per carità, ma ha una tonnellata di impegni. Poletti va benissimo: lui è il più adatto per risolvere le questioni che ci interessano e impegnarsi, è una scelta molto positiva”, conclude Bolognesi. Secondo il protocollo previsto per le commemorazioni, Poletti dovrebbe intervenire nella sala del Consiglio comunale. (Dire)

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.