1° maggio: Cgil Cisl Uil uniti

26 apr. – I sindacati confederali di Bologna quest’anno festeggiano uniti il 1° maggio. Come simbolo hanno scelto un garofano, stretto in pugno da un guanto da lavoro. «Il lavoro non è una merce» è lo slogan contro la liberalizzazione degli orari dei negozi, che rischia di essere applicata ai danni dei diritti dei lavoratori più deboli. «Fate la spesa dove vengono fatti gli accordi sindacali», è l’invito del segretario della Cisl Alessandro Alberani, che ricorda come sia in corso una trattativa con Coop Adriatica per garantire un certo numero di aperture domenicali, ma senza pesare sulle spalle dei meno garantiti. Ai sindacati piace l’idea del sindaco Virginio Merola di un patto fra sindacati e associazioni del commercio per tenere chiusi i negozi almeno il 25 aprile, il 1° maggio e durante la festa del patrono.

Alla domanda se la Fiom sarà in piazza il 1° maggio, Gruppi ha risposto che la festa non è delle categorie sindacali ma dei lavoratori e dei pensionati e che il sindacato dei metalmeccanici della Cgil ha sempre lasciato liberi i suoi numerosi iscritti.

Bruno Papignani, neonominato segretario regionale della Fiom, ribadisce la contrarietà ad una manifestazione unica e spiega che la Fiom non sarà in piazza in modo organizzato.

papignani

Cgil Cisl Uil sottolineano lo sforzo fatto per restare uniti in un momento ancora difficile per i lavoratori, con l’aumento del 20% in un anno delle aziende del territorio colpite dalla crisi. Insistono anche sul bisogno di diritti e legalità, perché, sostiene il segretario della Cgil Danilo Gruppi, «su questo tema l’attenzione della città non è ancora sufficiente» e «le infiltrazioni criminali sono più facili dove ci sono precarietà e mancanza di diritti». I tre segretari confederali ne discuteranno dalle 10 nel teatro tenda che verrà allestito in piazza Maggiore, assieme a professor Umberto Romagnoli e alle vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Simonetta Saliera.

Dalle 18,30 sul palco ci saranno Vicolo Davì, Nuju, Tremende, Fev e Daniele Biacchessi, Pestafango e Africa Unite.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.