Vigili, trovato l’accordo tra sindacati e Comune

vigiliBologna, 15 mar. – E’ stato sottoscritto il nuovo accordo sull’organizzazione della Polizia Municipale di Bologna dopo mesi di polemiche. Il documento, firmato il 12 marzo da Cgil, Cisl, Uil e Sulp, “è un passo in avanti sul piano della condivisione di alcuni punti che innovano il corpo. “E’ il risultato di un confronto faticoso che ha portato a contrapposizioni, ma ancora più importante perché qualifica il rapporto tra comando e lavoratori e apre la strada ad una piena collaborazione”, ha detto il sindaco di Bologna, Virginio Merola. Il nuovo accordo prevede soprattutto un nuovo turno di notte nei giorni festivi, dalle 22 alle 4, orari in cui è richiesto un impegno sempre maggiore da parte degli agenti.

Il punto importante è che i turni festivi serali e notturni vengono incrementati del 20%, passano da 3.800 a 5.200 ore l’anno. Meno delle 6400 che il Comune aveva chiesto inizialmente. Il comandante Di Palma ha spiegato che “la città è cambiata. Dal Dopoguerra e per 70 anni i servizi erano 7-13, 13-19, 19-1, 1-7, ma oggi l’invenzione dell’orario 22-4 copre una fascia in cui abbiamo più necessità. E’ un risultato molto valido. La città è così pensata h24, per fasce orarie. E siamo andati poi oltre lo sforzo previsto per il biennio: non abbiamo assunto 75 persone, ma stiamo terminando 86 assunzioni”.

Raddoppiano invece le pattuglie dei vigili urbani in servizio di notte, dalle 22 alle 4. E anche in altri orari della giornata (13-14 e 18-20) prima poco presidiati, la presenza della polizia municipale è garantita. Sono i punti salienti dell’accordo firmato sabato da Comune – che investirà 120mila euro l’anno – e sindacati Cgil, Cisl, Uil e Sulpl (senza l’Usb), dopo un braccio di ferro durato mesi. Con l’impegno di circa 400 agenti, le pattuglie passano da una media di due-tre a notte a sei-sette; numeri che possono crescere ancora nei fine settimana o quando ce ne fosse la necessità.

Il Commento di Michele Vannini della Fp Cgil. “Abbiamo rispettato il mandato dei lavoratori, faremo un referendum solo se ce lo chiederanno nelle assemblee”

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.