“Vietare le manifestazioni contro rom e sinti”

Bologna, 7 mag. – “Non si dovrebbero fare manifestazioni contro una minoranza, chiedo un intervento del governo per vietarle”. Lo ha detto questa mattina ai nostri microfoni Davide Casadio presidente della Federazione Nazionale Rom e Sinti insieme, commentando le proteste annunciate da forze del centro destra, mobilitate in ordine sparso contro il corteo previsto per sabato 16 maggio, quando i rom e i sinti scenderanno in piazza a Bologna per chiedere il riconoscimento del loro status di minoranza.

Per Casadio manifestazioni di questo tipo dovrebbero essere vietate perché discriminatorie e anticostituzionali


Il 16 maggio non ci sarà il presidio di Forza Italia, a cui la Questura ha negato due piazze e il Comune ha revocato il permesso di allestire gazebo alla fine di via Indipendenza. Altre iniziative sono state annunciate da Lega nord, Fratelli d’Italia e Forza Nuova, intenzionata a protestare direttamente contro i rom e i sinti. Ma nel pomeriggio Fdi sul suo profilo Facebook ha scritto che il Quartiere Navile gli ha revocato il permesso.

Mirco Pieralisi, consigliere comunale indipendente eletto con Sel, annuncia che parteciperà al corteo, convinto che occorre “esercitare una solidale vigilanza democratica affinché le forze reazionarie, xeonofobe, fasciste non mettano in atto provocazioni”. Ci sarà anche il deputato di Sel Giovanni Paglia, che stigmatizza le manifestazioni per la sicurezza annunciate dal centro destra affermando: “La sicurezza si costruisce riqualificando socialmente le periferie, non con astratti slogan”.

“Non credo che ci saranno problemi di ordine pubblico”, ha detto invece l’assessore comunale Matteo Lepore interpellato a margine di una conferenza stampa, aggiungendo: “Bisognerà lavorare tutti perché non ci siano problemi”.
Intanto l’agenzia Dire segnala che sui profili Facebook dei politici di centrodestra contrari alla manifestazione stanno fioccando i commenti razzisti e le frasi minacciose. Per esempio nella pagina di Manes Bernardini, ex leghista oggi leader di Insieme Bologna, qualcuno ha scritto sotto uno dei suoi post dedicati al 16 maggio: “Al rogo putridi”. “Tir di benzina a seguire il corteo e un accendino”, aggiunge un altro, mentre c’è chi pubblica una foto di un lanciafiamme in azione. E ancora: “Insieme rom e centri sociali? Sai che falò che viene?”, oppure “Se per sabato trovo un lanciafiamme parteciperò” e “portiamo gli accendini”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.