Via Gandusio. Sgomberati i maxi palazzi Acer

Bologna, 14 lug. – Sono stati sgomberati questa mattina una dozzina di appartamenti occupati dei quattro maxi palazzi di edilizia popolare di via Gandusio. Intorno alle 6.30 la polizia in tenuta antisommossa ha fatto irruzione negli stabili per effettuare le operazioni di sgombero, appostandosi anche sulla grande terrazza che collega il quattro palazzi. Sul posto oltre alla polizia, anche carabinieri, vigili del fuoco, municipale e operatori del 118.

Davanti agli stabili e sulla strada, una trentina di inquilini e membri dell’associazione sindacale Pugno Chiuso hanno intanto protestato con megafoni contro lo sgombero e le minacce verbali subite durante la mattinata, accerchiando anche una funzionaria dell’Acer al grido di: “Vergogna! Assassini! Nemmeno le bestie vengono trattate in questo modo, noi adesso siamo in strada, anche con i bambini”. Momenti di tensione, ma nessuno scontro. La strada era stata chiusa al traffico fino a che le operazioni non sono terminate, intorno alle 11, senza incidenti.

Erano 40 gli appartamenti occupati dei 160 complessivi di proprietà del Comune ma gestiti da Acer. Di questi, otto erano occupati da persone non aventi titolo o morosi da anni, altri sei da persone a cui era stato proposto un alloggio alternativo ma non avevano accettato. Diciotto invece quelli in cui c’era il sospetto, poi confermato, che fossero occupati, anche da diverse famiglie rom.

La motivazione dello sgombero, spiegata nell’ordinanza comunale, è la sicurezza e l’incolumità delle persone. I 160 appartamenti sono al centro di un maxi progetto di riqualificazione e devono essere ristrutturati entro settembre. Negli ultimi sei mesi 125 persone erano già state sistemate in altri alloggi.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.