“Utero in affitto bestiale”. L’ex Udc Sorbi esce dal comitato elettorale di Merola

mauro sorbi ex udc comitato merola
Bologna, 11 apr. – Perde un pezzo il comitato elettorale di Virginio Merola. A dare le dimissioni dall’ufficio per “l’immaginazione civica” che comprende anche Vasco Errani e Flavia Prodi è Mauro Sorbi, ex consigliere provinciale Udc, oggi alla guida dell’Osservatorio regionale sulla sicurezza stradale. Sorbi ha deciso di lasciare per il timore che un suo intervento su Facebook contro l’utero in affitto, datato 28 febbraio, potesse danneggiare la campagna del sindaco uscente. Sorbi se ne va, ma annuncia che entro settimana prossima sarà presentata alla stampa una lista “moderata di centro” a cui sta lavorando. “Non sono candidato ma ci sto lavorando con il neuropsichiatra Emilio Franzoni. Nella lista centrista ci saranno persona che sui temi “etici” la pensano come Sorbi? “Questo non lo so, io sto lavorando per Franzoni, una persona che conosco da 50 anni”.

“Faccio un passo indietro dal comitato elettorale per Merola, onde evitare qualsiasi tipo di polemica sulle posizioni assunte in qualche post su Facebook sulla questione degli uteri in affitto o simili“, fa sapere Sorbi all’agenzia Dire. “Non vorrei che queste mie posizioni potessero in qualche maniera creare tensioni all’interno del comitato e soprattutto nuocere alla campagna di Virginio Merola”.

mauro sorbi

Nel post, accompagnato da una foto del leader di Sel Vendola, Sorbi si chiedeva “Non ti pare contro-natura?“. Nei commenti, lo stesso ex consigliere provinciale sosteneva poi che l’utero in affitto “rimane e sarà sempre una bestialità“. A domanda, Sorbi chiarisce che non ci sono state pressioni per le sue dimissioni, ma che sarebbe stato solo un amico dell’Udc ad avvertirlo su possibili problemi al riguardo. Colpisce perà l”assonanza col caso che ha riguardato solo poche settimana fa Paolo De Fraia: inserito nella lista Pd dopo essere stato ”sponsorizzato” presso il sindaco dall’associazione “Per un”amicizia civile” (si impegnò a questo riguardo l’ex ministro Dc Gian Carlo Tesini), De Fraia fu costretto al passo indietro per le sue posizioni anti-gender.

“De Fraia? Ha posizioni molto più dure delle mie, del resto- osserva ancora Sorbi- io sono intervenuto su qualcosa per la quale non c’è una legge in Italia e l’ho fatto in modo satirico“. “Però – ribadisce ancora l’ex consigliere Udc- se questo deve creare problemi a Merola o creare polemiche in questa campagna elettorale preferisco fare un passo indietro” (Dire).

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.