Unibo. Nuove regole per decadenza e percorso flessibile

Bologna, 15 dic. – Il Senato accademico dell’università di Bologna ha approvato ieri nuove regole per la decadenza degli studi. Già a partire da quest’anno, gli studenti che abbiano ottenuto un numero minimo di crediti si vedranno posticipato, fino a 5 anni, il termine entro il quale poter terminare gli studi, scongiurando la decadenza. A fronte dei 3 anni previsti per le lauree di primo livello, le nuove norme votate in Senato accademico consentono di estendere fino a 8 anni il termine per completare gli studi. Per poter accedere a questo, gli studenti dovranno avere raccolto almeno 66 crediti sui 180 previsti nel triennio. Come ha spiegato il prorettore alla didattica, professore Enrico Sangiorgi, il provvedimento serve a “responsabilizzare gli studenti”.

Identico obiettivo anche per l’altra novità introdotta ieri. A partire dal prossimo anno accademico, gli studenti che si iscriveranno all’Alma Mater potranno scegliere il percorso normale o quello a velocità ridotta: a seconda dei propri impegni lavorativi o di vita, gli studenti potranno decidere se completare i corsi del primo anno nel tempo previsto o se farlo in due anni. Questa possibilità di scelta verrà offerta anche negli anni di corso seguenti. Non sarà possibile “cambiare velocità” durante l’anno.

L’intervista al prorettore Sangiorgi durante Oltre le mura.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.