Una giornata finlandese a Villa Ghigi, per Peter von Bagh

sauna2

Fotogramma dal documentario “Steam of Life”

Bologna, 23 lug. – Sabato 25 luglio a Villa Ghigi ci sarà Profondo nord, una giornata che dal mattino fino alle 2 di notte omaggerà il critico cinematografico Peter von Bagh. Una figura importante per la città di Bologna perché direttore del festival Il Cinema Ritrovato dal 2001 fino alla sua recente scomparsa nell’aprile del 2014. Oltre che il ricordo dello storico del cinema finlandese, l’iniziativa sui colli bolognesi (che fa parte di Bè Bologna estate) celebra anche i dieci anni di vita della Mammut Film, che ha ideato e organizzato questa manifestazione che, attraverso la figura di von Bagh, celebra la cultura letteraria, cinematografica e culinaria finlandese.

Per saperne di più abbiamo intervistato Alessandro Rossi, uno dei soci della Mammut. Ci ha spiegato che verranno proiettati dei documentari e che il ritmo sarà spezzato dal pranzo con cucina finnica  e da un incontro sulla letteratura finlandese. Non mancherà la musica, che sarà affidata ai Quattro Avvoltoi, in concerto a partire dalle 19.30. La pellicola che chiuderà le proiezioni sarà Steam of Life, un documentario ancora poco conosciuto ai più, uscito due anni fa. A proposito di questa produzione Rossi ci ha detto: “Il documentario è un bellissimo modo per entrare in contatto con la cultura finlandese; alcuni uomini dentro le saune si confessano raccontando della bellezza e dei drammi della loro vita”.

Ma qual è la caratteristica del popolo finlandese? “Una grande ironia nell’affrontare la vita nei suoi aspetti anche più drammatici e più tragici, una grande ironia che è raggelata e sottile, complicata da cogliere, ma che è una chiave di interpretazione del mondo molto affascinante, che si coglie molto nei film di Kaurismäki, si coglie nella letteratura di Paasilinna, e sicuramente anche nella musica: uno sguardo di distacco ironico, ma allo stesso tempo una grande capacità di capire, comprendere, analizzare”. Sui finalndesi ha aggiunto: “Sono affascinati dal karaoke” ma è rinomata anche la tradizione jazz. Ci ha confessato anche: “Il finlandese è un po’ ostico come lingua ma alla terza quarta vodka ti sembra di saperlo”.

Il legame che la Mammut Film ha con Peter von Bagh è forte anche per il rapporto affettivo che ha instaurato negli anni con l’autore. Infatti nel 2004 Rossi, insieme a Michele Mellera e Francesco Merini parteciparono allo spazio off del Midnight Sun Film Festival organizzato e ideato dallo storico del cinema. Si tratta del festival più a nord d’Europa, oltre il circolo polare artico, nella cittadina di Sodankylä, un festival di cinema muto realizzato con la collaborazione dei fratelli Kaurismäki e dedicato ogni anno a un paio di grandi registi. Ed è proprio tornando dallo sperduto paesino che la casa di produzione bolognese nacque, dando il via alla creazione di eventi e documentari. Era l’inizio del 2005. Qui sotto trovate l’audio dell’intervista del nostro Francesco Locane a Alessandro Rossi.

 

Andrea Lorenzoni

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.