Nuovo biglietto per i treni regionali. I pendolari: “Da Trenitalia un imprevisto balzello”

treni tper trenitaliaBologna, 29 lug. – A partire dal 1° agosto il ticket per i treni regionali cambia: riporterà l’indicazione del giorno in cui si vuole viaggiare e potrà essere utilizzato entro le 23.59 di quello specifico giorno. Trenitalia specifica che il nuovo biglietto regionale potrà essere acquistato con un anticipo di 4 mesi rispetto al giorno in cui si vorrà viaggiare mentre la validità sarà di 4 ore dall’obliterazione. Se il passeggero è ancora in viaggio a bordo del treno allo scadere della validità, potrà comunque arrivare a destinazione.

La data del viaggio potrà essere cambiata una sola volta, entro le 23.59 del giorno precedente la data indicata sul biglietto. Il cambio è gratuito presso le self service e le biglietterie Trenitalia, mentre prevede un costo di € 0,50 se richiesto nei punti vendita SisalPay, LisPaga di Lottomatica e SIR Tabaccai. Il biglietto può essere cambiato anche nell’agenzia di viaggio dov’è stato acquistato, con una commissione variabile, a discrezione dell’agenzia stessa.

“Queste innovazioni – spiega Trenitalia – permetteranno di incrementare gli effetti positivi della campagna antievasione avviata negli ultimi mesi, con una intensificazione dei controlli sulle linee più sensibili, sia a bordo treno sia nelle stazioni: in 10 mesi il Pool antievasione ha controllato oltre 1 milione di persone. L’associazione della duplice indicazione delle stazioni di partenza e arrivo e della data del viaggio fornirà fondamentali informazioni sui reali flussi di domanda, preziose per una sempre migliore programmazione dell’offerta. Le novità non avranno impatto sugli abbonati, per i quali è invece prevista un’ulteriore semplificazione. Sempre da lunedì 1° agosto, infatti, i possessori di un abbonamento regionale acquistato online avranno la possibilità di mostrare il proprio titolo di viaggio al capotreno in versione elettronica, anziché cartacea, dallo schermo dello smartphone, del tablet o del pc”.

Il Crufer, l’organismo che raggruppa comitati locali di pendolari, critica duramente la scelta di Trenitalia. “Un nuovo titolo di viaggio meno flessibile dei precedenti biglietti a fascia km e di cui nei mesi scorsi il Crufer aveva chiesto di mantenere le caratteristiche di biglietto aperto e di facile utilizzo. Trenitalia ha preferito non seguire questi suggerimenti confermando le caratteristiche del nuovo biglietto, utilizzabile nelle 4 ore successive alla convalida del solo giorno prescelto al momento dell’acquisto. Incredibilmente, gli utenti che avranno necessità di cambiare il giorno di utilizzo del biglietto, rivolgendosi alle stesse rivendite esterne dovranno pagare 50 centesimi per ottenere il cambio-data. Il Crufer ha chiesto alla Regione Emilia Romagna un intervento urgente per impedire che si concretizzi oltre al danno di un biglietto meno flessibile, il pagamento di un imprevisto balzello che invece deve essere a carico di Trenitalia promotrice della nuova formula”.

“Nell’occasione – continua il Crufer – Trenitalia ha ritenuto opportuno proporre alla Regione Emilia Romagna un adeguamento delle proprie tariffe regionali. Un adeguamento motivato da Trenitalia con il forte differenziale nel confronto delle altre Regioni e con la necessità di concordare sulla base di queste nuove tariffe una ulteriore proroga del contratto di servizio fino al 31 dicembre 2018. Sulle nuove tariffe concordate da Trenitalia con la Regione che prevedono incrementi medi del 3,5% per i biglietti singoli e del 2% per gli abbonamenti, il Crufer esprime il proprio motivato dissenso e rileva la forte contraddizione tra l’aumento introdotto e la considerazione che il contratto prorogato prevedesse solo il recupero del tasso di inflazione, di fatto negativo negli ultimi due anni. Un aumento delle tariffe non giustificato contrattualmente che premia il gestore che meno ha speso per la fornitura di nuovi treni. Un aumento che grava maggiormente sui biglietti singoli acquistati da utenti non abituali per i quali non è prevista alcuna forma di rimborso per ritardi ripetuti, come stigmatizzato dalla stessa Autorità dei Trasporti”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.