Treni. La Regione ne compra di nuovi coi soldi dell’aeroporto

Bologna, 28 lug. – La Regione Emilia Romagna ha deciso di investire una parte degli 8 milioni di euro ricavati dalla vendita delle azioni dell’aeroporto Marconi di Bologna per acquistare nuove carrozze ferroviarie. In sostanza, l’assessorato guidato da Raffaele Donini ha deciso di anticipare l’ammodernamento del parco macchine che il contratto di servizio con Trenitalia e Tper prevederebbe a partire dal 2018. Più di 5 milioni verranno quindi spesi “per l’acquisto di cinque carrozze bipiano Vivalto, di cui una semipilota e quattro rimorchiate” ha spiegato Donini che ha aggiunto che “si è reso necessario partire in anticipo sui piani, perché i mezzi attualmente a disposizione sono molto vecchi e i disservizi sono all’ordine del giorno“. Oltre alle nuove carrozze Vivalto, Viale Aldo Moro ha in programma di acquistare anche “sette elettrotreni Stadler, le ”ammiraglie” della flotta, di cui uno entrerà in servizio tra ottobre e novembre e gli altri sei, al ritmo di uno al mese, a partire da gennaio 2016″. Altri sei Stadler, invece, non compresi nel piano di rinnovo del parco mezzi, cominceranno a girare tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017.

Secondo quando previsto dalla “gara del ferro” l’ammodernamento dei treni riguarda 75 convogli a partire dal 2018. Il valore totale dell’operazione è di circa 90 milioni: di questi, precisa Donini, “la Regione ne anticiperà 12, i cinque delle azioni del Marconi più altri sette pagati con ammortamenti e interessi nel triennio 2016-2018”. I 2,9 milioni rimanenti dalla vendita delle azioni del Marconi, conclude l’assessore, “saranno invece messi a bilancio”.

Inoltre, per “risarcire” i pendolari dei disagi dei mesi scorsi, sia dovuti al caldo delle scorse settimane, sia dovuti ai disagi seguiti alle nevicate di febbraio, la Regione ha deciso di regalare un abbonamento mensile ad ogni pendolare. I soldi per questa operazione, spiega Donini, vengono dal “fondo penali” previsto dall’accordo con gli attuali gestori.

Soddisfatti i pendolari del Comitato Regionale Utenti Ferroviari dell’Emilia Romagna che in una nota esprimono “la propria soddisfazione per le scelte messe in campo dalla Regione Emilia Romagna” ed auspicano “che gli impegni annunciati e le scadenze indicate vengano rispettate per la soluzione delle principali emergenze denunciate da anni dagli utenti del trasporto ferroviario regionale”. L’auspicio del Crufer è “che le imprese ferroviarie sappiano cogliere l’occasione per un fattivo miglioramento delle condizioni del trasporto regionale, con un contributo concreto e proporzionale di Trenitalia e Tper”.

Get the Flash Plugin to listen to music.