Tassista ferito col coltello da un finto cliente

Bologna, 5 apr. – Un altro tassista Cotabo è stato aggredito a Bologna da un finto cliente che ha cercato di ferirlo al collo con una coltellata. L’uomo è stato poi portato all’Ospedale Maggiore in condizioni di media gravità, probabilmente ferito alla mano con cui ha cercato di parare il colpo. E’ successo  verso le 4  in zona Andrea Costa. Il tassista, 40 enne, aveva caricato un uomo, cittadino italiano, che dopo poche centinaia di metri lo ha colpito alla nuca con un coltello da cucina, sembra senza alcun tentativo di rapina. Il conducente ha reagito, si è tolto la cintura e lo ha fatto scappare.
E’ la terza aggressione nel giro di due settimane: il 27 marzo un tassista di 67 anni è stato ferito a martellate in testa da un uomo subito arrestato – e morto in carcere per arresto cardiaco; pochi giorni prima un conducente di 46 anni era stato bastonato e rapinato da due finti clienti.
La rapida sequenza di episodi preoccupa Riccardo Carboni, presidente di Cotabo, che chiede di rivedere norme come quella che ha reso obbligatoria per i tassisti la cintura di sicurezza dentro i centri abitati: “Ci impedisce la fuga o movimenti rapidi in caso di aggressione”, spiega, aspettando un incontro con la Prefettura e il Comune di Bologna già chiesto dopo le prime aggressioni. Per il servizio notturno, secondo Carboni, servirebbero un uso di massa di telecamere e vetro divisorio

Get the Flash Plugin to listen to music.