Staveco. Merola promette: “Tribunale e parco. Nel frattempo attività giovanili”

Bologna, 7 sett. – Con un video messaggio realizzato da Flash Giovani e pubblicato sul sito web personale, il sindaco Virginio Merola ha spiegato cosa vorrebbe che venisse realizzato nell’area dell’ex Staveco. Nello spazio un tempo occupato dallo STAbilimento VEicoli da COmbattimento, secondo quanto previsto dai piani comunali, saranno recuperati, per la maggior parte per uso direzionale (l’85%) e secondo i vincoli posti dalla Sovrintendenza, 47 mila metri quadri di edifici. Nell’area, che copre complessivamente una superficie di 90 mila metri quadri, dovrebbe sorgere anche un parco di 3 ettari che dovrebbe collegare, idealmente, viale Panzacchi alla collina di San Giovanni in Bosco.

L’obiettivo di Merola è quello di realizzare in quell’area la cittadella della giustizia, traslocando gli uffici del tribunale: “Stiamo discutendo anche con il ministro della Giustizia se qui ci sarà la possibilità di ospitare quella parte di uffici giudiziari che oggi è in locazione da privati, in modo da avere un polo giudiziario nel nostro centro storico”, spiega il sindaco nel video. Per passare dall’idea alla realizzazione però passerà molto tempo e per questo il sindaco spiega che l’area potrebbe essere impiegata temporaneamente per attività giovanili. “Pensiamo che sia un’area adatta a un presidio temporaneo di attività giovanili in modo da avere anche un presidio su quest’area e farla vivere al meglio in attesa della destinazione finale” dice Merola.

Rispetto al masterplan del Campus 1088, quello che doveva essere realizzato all’ex Staveco dall’Università ai tempi del Rettore Ivano Dionigi e poi bocciato e archiviato con l’arrivo del Rettore Francesco Ubertini, i piani su Staveco vedono una sensibile riduzione dell’area verde. Ai tempi dell’idea del Campus erano previsti 45 mila metri quadri (4 ettari e mezzo) di verde. Ora, secondo quanto detto dal sindaco, il verde sarebbe ridotto a 3 ettari corrispondenti a 30 mila metri quadri. La ragione di questa diminuzione si spiega con il fatto che nel progetto Campus era previsto di includere anche una parte della Caserma d’Azeglio dei Carabinieri attaccata all’area dell’ex Staveco e

Il video pubblicato oggi da Merola sulla Staveco è solo la prima parte di un tour che il primo cittadino promette di realizzare nelle altre aree che saranno oggetto di rigenerazione. “La prossima volta andremo a vedere i Prati di Caprara” annuncia in chiusura Merola.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.