Stampare l’arte in 3D. Chi sono i makers archeologi

15 ott. – Alla vigilia della Makers Faire di Roma Pensatech torna a parlare del mondo dei makers, gli artigiani digitali. Questa volta abbiamo dato voce a chi usa lo strumento principe dei makers, la stampante 3D, per studiare l’arte. Abbiamo scelto due startup di makers archeologi.  3D Archeo Lab è un’associazione culturale di Roma che vuole ampliare il bacino dei musei, migliorando la fruizione delle collezioni attraverso soluzioni tecnologiche low cost per superare le barriere geografiche, fisiche e culturali. Un esempio lo possiamo trovare al museo nazionale etrusco di Marzabotto dove gli archeologi hi tech stanno creando modelli tattili per permettere ai non vedenti di toccare il museo.

L’ABA FabLab, a Perugia, nasce dalla collaborazione tra l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” e la Fabula Animations. In coda alla trasmissione si parla anche del movimento di protesta “Makers Fair per chi?

In studio Giovanni Stinco.

 

Download

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.