Spaccatura in Confindustria. Vacchi perde, Boccia designato presidente

Bologna, 31 mar. – Alberto Vacchi non sarà presidente nazionale di Confindustria. Stamattina il consiglio generale dell’associazione degli imprenditori ha designato invece Vincenzo Boccia. Quest’ultimo, presidente del comitato tecnico credito e finanza di Confindustria, ha ricevuto a scrutinio segreto 100 voti, 91 quelli andati al presidente di Unindustria Bologna. Erano 198 gli aventi diritto al voto, 192 i votanti; c’è stata una sola scheda bianca.

Confindustria spaccata a metà, dunque, ma la situazione non è nuova, secondo Giuseppe Berta, docente di Storia dell’industria all’Università Bocconi, che la paragona al confronto fra Giorgio Squinzi e Alberto Bombassei.

Dispiaciuto per la spaccatura l’ex presidente Luca Cordero di Montezemolo, felice per la scelta di Boccia l’ex presidente Emma Marcegaglia che prevede: “Tornerà l’unità”.

L’elezione del presidente designato spetta all’assemblea privata prevista per il prossimo 25 maggio.

A Bologna Vacchi è apprezzato per la sua conduzione delle relazioni sindacali, abbiamo chiesto a Bruno Papignani, segretario regionale della Fiom Cgil se è deluso per questa mancata elezione

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.