Il sondaggione squilla anche sul cellulare

Bologna, 3 dic. – A squillare per il sondaggione commissionato dal Pd in vista delle prossime elezioni comunali non sono solo i telefoni di casa, ma anche i cellulari. Il numero è rigorosamente privato.
Dall’altra parte del filo c’è una voce maschile, che mastica e mangia le parole, per la fretta tipica di chi lavora in un call center e perché probabilmente chi parla è straniero. E spesso gli accenti delle parole si confondono, come nel caso della domanda sullo sgombero di Atlantìde, con l’accento sulla ì.
Ma andiamo con ordine. Se per curiosità o per interesse direte di sì alla richiesta di farvi qualche domanda di politica verrete interpellati prima di tutto sull’efficacia di questi anni di amministrazione: per nulla, poco, abbastanza, molto… e sulla vostra fiducia nel sindaco Virginio Merola.

Vi sarà chiesto poi di dare un voto da 1 a 10 ad una serie di politiche portate avanti in questi anni, dalla sicurezza alla mobilità, passando per il verde, la cultura e i servizi sociali, l’infanzia, la trasparenza, l’immigrazione, il sostegno all’economia locale, la disoccupazione. Tra i grandi temi c’è il passante, il cantierone e il people mover.
Dopo quella su Atlantide c’è anche la domanda sulle occupazioni in generale: giusto seguire la legalità sempre oppure essere indulgenti a favore di una maggiore solidarietà?
Gli sfidanti ipotizzati per Merola sono Lucia Borgonzoni, Massimo Bugani ed Elly Schlein e l’intervistatore si premura prima di chiedervi se li conoscete. Solo Bugani e Borgonzoni però vengono proposti anche come alternative al ballottaggio.
Immancabile la domanda sull’astensione: con che probabilità andrete a votare? E per quale partito? E nell’elenco rispunta, solitaria a sinistra, Rifondazione Comunista… preferite invece una lista civica? di centrosinistra o centrodestra.
Grazie, il sondaggio è fatto, in un lampo: più di 20 domande, solo 5 minuti.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.