Sgombero via Solferino. Zampa: “Grave non informare il Comune”

sandra zampaBologna, 15 ott. – Lo sgombero di un immobile occupato senza avvertire “per tempo” una Amministrazione cittadina permettendo di attivare i servizi del caso “è grave”. E’ quanto scrive, in una nota, Sandra Zampa, vicepresidente del Partito democratico e della Commissione bicamerale Infanzia e Adolescenza, riguardo lo sgombero di uno stabile in via Solferino, nel centro di Bologna, di proprietà dell’istituto dei ciechi Cavazza e occupato dal febbraio scorso dal collettivo Labas.

Sgombero in via Solferino, ma il Comune non sapeva

“E’ grave – osserva Zampa – che in previsione di uno sgombero, tra l’altro di famiglie con minori, l’Amministrazione comunale non sia stata informata per tempo in modo da organizzare la necessaria presenza dei servizi sociali. Penso – aggiunge – sia ancora più grave che non si avverta la necessità di un coordinamento collaborativo leale tra le istituzioni, soprattutto in presenza di questioni così complesse e delicate. Esprimo la mia solidarietà all’assessore Amelia Frascaroli per l’enorme difficoltà nella quale si trova costretta a dover operare”. Quindi, conclude, Zampa, “presenterò su questo episodio una interrogazione parlamentare perché il Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, chiarisca che cosa si intenda per cooperazione tra le istituzioni”. (ANSA).

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.