Setup: una bussola per l’arte contemporanea

setup5
Bologna, 27 gen – Prende il via la quarta edizione di Setup Contemporary Art Fair. Ne abbiamo parlato con la Presidente Simona Gavioli e il Direttore Alice Zannoni che sono state ospiti a Humus, intervistate da Piero Santi.

“La necessità di orientarsi è il mood dell’edizione 2016.” Alice parla dell’ orientamento come “tema a maglia larga”, passando da quello geografico a quello politico o sessuale, ma anche del disorientamento che ci porta a cercare nuove direzioni. “Perdere o ritrovare la bussola” aggiunge Simona “Setup parte tutta da lì”.

Setup è collaterale ad ArteFiera e non certo in competizione, per questo apre nel tardo pomeriggio quando ArteFiera chiude i battenti. La scorsa edizione ArteFiera ha contato 40mila visitatori e 10mila Setup, mentre la Notte Bianca è arrivata a 100mila partecipanti. “Sono giorni all’insegna dell’eccesso ma è un eccesso culturale quindi è fantastico”

La prima novità è di struttura: “Vedrete l’ Autostazione con una nuova pelle, grazie agli interventi che hanno colorato il grigio che dominava da anni. L’atrio diventa area talk: non solo colorato ma aperto a tutti durante le conferenze del programma culturale, che  avranno luogo lì gratuitamente, aperte, e fuori dai 5euro del costo del biglietto, scelta che Alice definisce “doverosa nei confronti di tutti a partire dai giovani curatori”. “E’ un regalo che Setup fa alla città“, come quello di restituirle il primo piano “di una stuttura bellissima, a cui vogliamo bene. Infatti l’ultimo pianto di gioia che ci siamo fatte al telefono è stato per l’allacciamento della luce! Per noi è quasi una questione morale”.

Il format: 44 gallerie (ognuna curata e progettata da almeno un under 35) divise in tre sezioni: main section, solo show e drawing the world  “disegnare il mondo”, progetto sostenuto dal comune di Santander in Spagna. Le gallerie straniere presenti saranno otto (ci sono anche Germania , Regno Unito  e New York).

Disegno e pittura saranno predominanti “Crediamo nel grande ritorno alla pittura senza trascurare ovviamente scultura, fotografia e video, largamente presenti”.

E per comprare? “Negli anni abbiamo acquistato credibilità” dice Simona “i veri investimenti si fanno a Setup. Gli stessi galleristi lo sanno  e tornano da noi”. Il range dei prezzi va dai 500 ai 3500 euro per la vendita, che è quindi rivolta anche da un pubblico di ragazzi che “possono comprare la loro prima opera” oltre ai 300 collezionisti italiani già inseriti nel Programma vip. 

Setup, poi, si espande oltre l’Autostazione con SetupPlus, programma di eventi in giro per tutta la città.

Un’immersione totale nell’arte per Bologna, che comincia giovedi 28 gennaio alle 20 con l’inaugurazione (ad invito) seguita alle 23 dalla serata Setup Party al Dynamo, la nuova Velostazione di Bologna in via Indipendenza 71/z.

Dove: Autostazione di Bologna

Quando: 29-30/01 (orari 17.00-01.00) e 31/01 (orari 12.30-22.00)

Ingresso: 5 euro

Ascolta l’intervista con Simona Gavioli e Alice Zannoni.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.