Sel minaccia Merola: “O il Passante nord o l’alleanza per il 2016”

Sel_passante

Foto di Agenzia Dire

Bologna, 30 apr. – “Se il Passante nord è la pregiudiziale per una futura alleanza? Rispondo che sul tema delle infrastrutture è necessario sedersi ad un tavolo perché c’è bisogno di un radicale cambio di marcia“. Le parole di Cathy La Torre, capogruppo in consiglio comunale del gruppo di Sinistra Ecologia e Libertà, suonano come un aut aut all’indirizzo di Virginio Merola. O noi o il Passante Nord hanno detto questa mattina i vendoliani che hanno presentato in conferenza stampa l’ordine del giorno con il quale chiedono all’amministrazione di interrompere l’iter di realizzazione del Passante. In calce al testo le firme di tutti i consiglieri della lista Sel-Frascaroli: La Torre, Lorenzo Cipriani, Lorenzo Sazzini e Mirco Pieralisi.

“Dopo quattro anni bisogna fare un bilancio- ha proseguito La Torre- e possiamo dire che i temi su cui siamo stati in contrasto col sindaco, da Hera alla scuola, ci hanno dato ragione e hanno penalizzato il primo cittadino” dice La Torre. “Alcune posizioni si pagano e ora invitiamo Merola a riflettere. Siamo stati buoni alleati anche quando abbiamo detto no. Siamo disposti ad essere buoni consiglieri ma vogliamo essere ascoltati. Anche sul People mover siamo pronti a chiedere un cambio di passo“. L’ultimatum odierno arriva a pochi giorni dalla rottura in viale Aldo Moro, dove i vendoliani hanno fatto uno sgambetto al presidente Stefano Bonaccini proprio durante la sessione di bilancio. “Le alleanze- avvisa il capogruppo in Regione Igor Taruffi- non sono fatte per la vita e neanche per essere messe in discussione tutti i giorni. Vanno verificate quotidianamente. Ci sono temi come le infrastrutture- spiega Taruffi- in cui si deve guardare cosa succede e in tutta onestà trarne le conseguenze. Credo sia arrivato il momento di una svolta, tanto in Comune quanto in Regione”.

L’odg di Sel chiede un’alternativa al Passante e il salvataggio dei fondi “anche per il rafforzamento del Sistema ferroviario metropolitano”. Il Passante “è un’opera faraonica, dai costi enormi, i cui benefici sono ormai messi in discussione”, dice La Torre. “Temiamo che alla fine i costi, sia economici che ambientali, saranno tutti a carico della collettività. Lo stesso Governo sul Passante nord oggi mi sembra voglia valutare costi e benefici. Ormai non siamo più i soli a pensarla così”.

L’aut aut di Sel a Merola arriva proprio mentre una parte della giunta è impegnata in uno scontro frontale con l’ala renziana del Partito Democratico guidata dal consigliere regionale Giuseppe Paruolo. In particolare proprio gli assessori vicini a Sel Amelia Frascaroli e Riccardo Malagoli sono maggiormente coinvolti dalle critiche dei pasdaran renziani. Motivo del contendere è l’ordinanza firmata dal sindaco lo scorso 23 aprile che ha ordinato il riallaccio dell’acqua per gli occupanti di via Mario De Maria. A questa soluzione lavorava da lungo tempo l’assessore Frascaroli, oggetto degli strali di Paruolo e dei suoi paladini della legalità, preoccupati che la strada scelta dal comune possa risolversi in una legalizzazione delle occupazioni. Il consigliere Paruolo è anche una delle voci interne al Pd da sempre più critiche verso la realizzazione del Passante Nord. Singolare quindi che proprio mentre la giunta di Merola è impegnata a rispondere agli attacchi “da destra” dei renziani, gli alleati vendoliani decidano di punzecchiarlo “da sinistra” usando uno dei temi più cari proprio ai renziani di Paruolo.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.