Scioperano i ferrovieri di Italo (ma non parlano per paura di ritorsioni)

Bologna, 10 apr.- Hanno scioperato per la prima volta oggi per 8 ore, dalle 10 alle 18, i dipendenti di Italo-Nuovo Trasporto Viaggiatori a seguito della decisione dell’azienda di mettere in mobilità 246 dipendenti su un totale di 952 (pari circa al 25% di essi). La mobilità colpirebbe in particolare il personale che gestisce le attività di assistenza clienti in Casa Italo e negli altri punti Italo in stazione, il quale verrebbe ridotto del 50% circa (da 165 a 83) e quello a bordo ridotto del 30% circa (da 346 a 242). Praticamente sul treno resterebbero solo il capotreno e (forse) un operatore, così come le Case Italo sarebbero gestite da un operatore unico e ad orario ridotto.

A Bologna in mattinata c’è stato un presidio di fianco all’ingresso principale della Stazione Centrale. Una ventina tra dipendenti e sindacalisti hanno distribuito volantini ai viaggiatori per spiegare, oltre alle ragioni dello sciopero, anche quali ripercussioni avrebbero i tagli al personale sui servizi offerti. Una diminuzione così massiccia del personale, secondo i sindacati, comporterebbe l’abolizione delle attività di assistenza al binario e di qualsiasi servizio e assistenza non direttamente connesso alla vendita. Potrebbe, inoltre, avvenire l’abolizione totale della ristorazione a bordo, in favore dell’installazione di distributori automatici.

I lavoratori in sciopero appartenenti a Ntv e Casa Italo si rifiutano di parlare ai nostri microfoni per paura di poter essere riconosciuti dalla voce e quindi di subire ritorsioni da parte dell’azienda. Francesco Bertone di FIT-CISL ammette che l’azienda sta avendo atteggiamenti intimidatori nei confronti dei lavoratori per scoraggiare la loro partecipazione alle azioni sindacali, come gli scioperi.

I lavoratori si dicono stupiti della scelta dell’azienda di mettere in mobilità un numero così alto di personale sia perché già 30 persone hanno lasciato Ntv a seguito della possibilità di mobilità volontaria con aiuti economici, sia perché, in questo periodo, “l’azienda sta portando avanti una ricapitalizzazione e investendo in materiale rotabile nuovo” dice Roberto Rinaldi di UILTRASPORTI. I lavoratori credono che “l’azienda abbia annunciato un numero volontariamente alto di lavoratori in esubero proprio per mettere loro ancora più pressione e incentivarli ad accettare la mobilità volontaria”. La paura dei lavoratori è che chi andrà in mobilità possa essere scelto tra chi ha scioperato, anche se un’azione del genere sarebbe assolutamente antisindacale da tribunale.
I sindacati, ci dicono i lavoratori, sarebbero stati pronti a firmare per altri due anni il contratto di solidarietà con tetto al 35%, ma l’azienda ha proposto altri 5 anni di contratto di solidarietà con blocco totale degli stipendi per 7 anni, trasferimenti coatti e demansionamento. I sindacati hanno rifiutato di firmare la proposta perché la ritengono fuori legge.
L’azienda Ntv, inoltre, è stata denunciata alla commissione per gli scioperi per condotta anti-sindacale.  Sembra infatti che per la giornata di sciopero di oggi abbia garantito più del 50% dei treni e abbia imposto a più di un terzo dei lavoratori (numero massimo consentito dalla legge per garantire i servizi essenziali di pubblica utilità) di lavorare durante lo sciopero.

I sindacati aderenti allo sciopero (FILT-CGIL, FIT-CISL, UILTRASPORTI, UGL-AF, FAST), promette Daniele De Maria di FILT-CGIL, “continueranno il confronto con l’azienda per tutelare i posti di lavoro e la qualità dei servizi”. Soprattutto visto che in questi tre anni hanno “chiuso un occhio nei confronti dei veri problemi per permettere all’azienda nel periodo di start-up di recuperare gli investimenti fatti per riuscire ad essere concorrenziali con Trenitalia nell’ambito dell’alta velocità”, come dichiara ai nostri microfoni Rinaldi.

di Clara Vecchiato

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.