Rizzo Nervo: “Non riapriremo il drop-in”

luca rizzo nervo assessore welfare comune di bologna

Bologna, 6 feb. – E’ stato chiuso nel 2010, e da allora esperti del settore e operatori ne hanno più volte chiesto la riapertura. Ma il drop-in a Bologna non tornerà. Lo ha detto l’assessore a welfare e sanità del Comune Luca Rizzo Nervo. Il drop-in, prima sospeso e poi mai più riaperto, è stato un punto di accoglienza a bassa soglia per consumatori di sostanze difficilmente intercettabili con altri servizi. Un tassello all’interno della strategia della cosiddetta riduzione del danno che è saltato da tempo. Rizzo Nervo ha spiegato perché il Comune non ha intenzione di riaprire il drop-in. “Le stagioni cambiano – ha detto Rizzo Nervo – Il tema delle tossicodipendenze non è venuto meno ma i servizi devono reinventarsi rispetto ad un efficace lavoro. Sul drop-in  al momento restiamo un passo indietro. Quella del drop-in è un’esperienza che si è chiusa e che in quelle modalità non può essere ripetuta. Ciò non toglie la nostra attenzione sulla riduzione del danno”.

Bologna è la città che uccide di più per droga. Giancane: “Mancano servizi di prossimità”

Rizzo Nervo ha anche parlato della riorganizzazione dei servizi sociali, del ruolo dell’hub di via Mattei nella gestione dei profughi, della ormai quasi certa non riapertura del Cie a Bologna, dei futuri progetti del Comune per quanto riguarda l’integrazione dei migranti, e della visione che la giunta ha sui temi del welfare. Ecco l’intervista, questa mattina all’interno di Oltre le Mura.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.