Rimozioni bici. Il Comune annuncia lo stop: “C’è bisogno di fare più informazione”

Bologna, 11 feb. – Una moratoria sulle rimozioni delle biciclette ancorate a pali e fittoni. L’ha annunciata questa mattina l’assessore alla mobilità Andrea Colombo ai nostri microfoni. Intervistato da “KmZero a pedali”, Colombo ha spiegato che la campagna di rimozioni portata avanti nelle scorse settimane dalla polizia municipale era era il frutto delle segnalazioni d cittadini e associazioni di disabili stanchi del posteggio selvaggio. Le biciclette ancorate a lampioni, a cestini e pali della segnaletica stradale riducono la spazio per i pedoni e sono spesso un pericoloso intralcio per ipovedenti e disabili in carrozzina. Per questo motivo, dopo diverse segnalazioni, Palazzo d’Accursio ha deciso di intervenire: prima in stazione e poi in piazza del Nettuno, scatenando molte polemiche sul web.

Sull’onda dell’indignazione delle persone che non hanno trovato la bicicletta tornando da un viaggio o uscendo dalla Sala Borsa, il consigliere del Movimento 5 Stelle Marco Piazza, aveva insinuato che le rimozioni a tappeto in stazione servissero come “incentivo” per spingere i ciclisti a servirsi dei servizi della Velostazione. “Polemica inutile” è stata la risposta di Colombo che, dopo il pugno di ferro, ha scelto un approccio dialogante con le associazioni dei ciclisti. Ed ecco che arrivo lo stop alle rimozioni. “Ci siamo resi conto dopo queste settimane che c’è bisogno di fare più informazione e comunicazione su divieti che comunque sono stabiliti dal codice della strada” ha detto l’assessore che ha promesso altre rastrelliere dalle parti della stazione.

 

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.