Riina assolto per la strage del rapido 904. “Non ci sono prove”

Rapido_904_2

Immagine tratta da wikimafia.it

14 apr. – Toto Riina è stato assolto dall’accusa di essere il mandante della strage del Rapido 904 del 23 marzo 1984 che causo’ 17 morti. L’assoluzione c’è stata perché “manca la prova piena che sia colpevole – ha spiegato il difensore di Riina- “Praticamente è la vecchia insufficienza di prove“.

Per l’attentato è stato già condannato nel 1992 il mafioso Pippo Calò, con sentenza definitiva, in concorso con altri due mafiosi, Guido Cercola e Franco Di Agostino, e con l’artificiere tedesco Friedrich Schaudinn. Indagini, successivamente, avevano stabilito anche il coinvolgimento di Totò Riina.
Secondo la Dda di Napoli, il “capo dei capi” di Cosa Nostra era il mandante della strage di Natale e l’obiettivo dell’attentato per gli inquirenti era quello di distogliere l’impegno dello Stato dalla lotta alla mafia verso il terrorismo eversivo.
Una sorta di risposta al maxi processo a Cosa Nostra che si stava celebrando.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.