Revolutija: al Mambo la grande mostra sulle avanguardie russe (e senza selfie corner)

Bologna 13 dic. – Ha inaugurato ieri negli spazi del Mambo in via Don Minzoni 14 la mostra Revolutija, da Chagall a Malevich da Repin a Kandinsky, oltre 70 opere provenienti dal Museo di Stato Russo di San Pietroburgo che saranno visitabili fino al 13 maggio 2018.

“Il merito principale della mostra” racconta Lorenzo Balbi, (nominato ad aprile alla direzione dell’area moderna e contemporanea di Bologna Musei),  è proporre uno sguardo non limitante sulle avanguardie russe; tutti a scuola abbiamo studiato Malevich (di cui in mostra sono presenti diverse opere tra cui il famoso quadrato nero), o Kandinsy ma non tutti ad esempio sanno cosa stava succedendo con la piuttra tradizionale russa di quel periodo o che cosa è successo con lo sconvolgimento post rivoluzionario. Questa mostra ci mette di fronte a uno spaccato di arte e cultura russa completo anche con artisti che non conosciamo direttamente ma che all’interno del percorso creativo acquistano significato.”

 

All’interno del percorso espositivo ci sono quadri famosissimi come La promenade di Chagall, “strappato da un’enorme personale in corso di svolgimento a Basilea e mostrato per la prima volta in Italia” un quadro commercialmente molto sfruttato ma apprezzabile dal pubblico della mostra proprio grazie al contesto in cui è inserito e senza la necessità di allestirci a fianco un selfie corner.

Tra un Chagall, un Kandinsky e un Malevich anche un ritratto di Stalin di Pavel Filonov, tappa finale della mostra “un quadro iconico del realismo socialista che ci dà l’idea di come il regime abbia cambiato tutta questa produzione artistica”

Ascolta l’intervista completa a Lorenzo Balbi (con anticipazioni sulle future mostre in programma a Bologna)

Info orari e biglietti qui

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.