Raffaele Costantino: playlist per raccontare una storia

Storia_di_una_pl_583ffc89d7

23 feb. – Un invito a scoprire nuovi mondi musicali, attraverso gli episodi di un racconto scritto come se fosse una serie tv: dieci capitoli e dieci canzoni per dieci protagonisti, da Flying Lotus a MIA. Questo e altro ancora è il primo libro di Raffaele Costantino, Storia di una playlist. Playlist di una storia, edito dalla casa editrice Arcana. Raffaele, oltre a condurre tutte le notti la trasmissione Musical Box su Radio2, fa girare dischi in tutto il mondo con il progetto DJ Khalab ed è consulente e direttore artistico di numerosi festival, ma, racconta a Maps, “ho iniziato lavorando in un negozio di dischi, ascoltando, come tanti di noi, rock, punk, e hip hop. Crescendo mi sono avvicinato sempre di più al funk, al soul e, in particolare, al jazz”. Dalla fine degli anni ’90 scatta l’amore per l’elettronica, che si contamina con l’amore per la black music che porta Costantino alla perpetua esplorazione di terreni da scoprire.

Creare una playlist è un’arte molto complessa, per cui il dj deve scegliere rapidamente la canzone giusta, nel momento giusto: in forma narrativa questi rapidi pensieri si allungano, “sono molto più rilassati. Ho tutto il tempo di ragionare su una playlist la quale, soprattutto in questo caso, deve essere legata da un filo narrativo. Ma anche nella scrittura ho cercato di mantere un groove preciso, proprio come se si trattasse di una playlist per un djset”. D’altro canto, ha raccontato il nostro ospite, “una buona selezione deve essere supportato da un flusso narrativo, oltre che sonoro. E non importa che questo processo sia manifesto”. Venerdì 25 febbraio al Torrione Jazz Club di Ferrara, in occasione della presentazione del libro, ci sarà la possibilità di assistere a un djset di Costantino e di vederlo mentre mette “in pratica” il filo narrativo della sua opera.

Antonio Ciulla

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.