Processo Terremerse. Vasco Errani assolto in appello bis

errani-addioBologna, 21 giu. – L’ex presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani è stato assolto nell’appello bis del processo ‘Terremerse’. L’accusa era falso ideologico in atto pubblico, per aver ‘coperto’, con uno scritto inviato nel 2009 alla Procura la cooperativa presieduta dal fratello, Giovanni Errani. Dopo la condanna nel primo appello, Errani diede le dimissioni da Governatore, carica ricoperta per 15 anni. Assolti anche due dirigenti regionali, confermando la sentenza del gup del 2012.

All’appello bis si è arrivati dopo un’assoluzione in primo grado, nel 2012, impugnata dalla Procura. Il primo processo di appello si concluse con le condanne a luglio 2014, annullate un anno dopo dalla Cassazione, con rinvio ad un nuovo giudizio di secondo grado. Nel mirino dell’inchiesta la lettera e la relazione che Errani, da presidente della Regione, a fine 2009 inviò alla Procura, dopo un articolo de ‘Il Giornale’ per chiarire la correttezza dell’operato dell’istituzione nella concessione nel 2006 di un finanziamento da un milione alla coop Terremerse di Bagnacavallo (Ravenna) per costruire una cantina a Imola. Il processo a Giovanni Errani si è concluso con l’assoluzione in appello per una parte delle accuse, e con il proscioglimento per prescrizione per altra parte: i giudici, rispetto ai falsi e ad una truffa contestati e legati all’ottenimento del contributo, erano entrati nel merito ritenendo sussistenti i reati, benché prescritti.

“Finalmente è finita. Con questa sentenza di assoluzione si chiude una lunga vicenda processuale che forse non avrebbe dovuto nemmeno aprirsi. Si afferma così in modo definitivo la verità”. Così Vasco Errani, con una nota su Facebook, commenta la sentenza della Corte di Appello di Bologna. “Ho pagato un prezzo altissimo e ciò per altro ha coinvolto un’importante istituzione come la Regione Emilia-Romagna”, continua l’ex governatore.

In teoria anche la sentenza dell’appello bis è impugnabile: il collegio (Calandra, Di Fiore, Indirli) si è preso 40 giorni per motivarla, dopo di che la Procura generale ha un termine per valutare il da farsi.

“Da cittadini fa riflettere che un processo che si poteva concludere e si era concluso con un’assoluzione molto perentoria in primo grado, debba aver attraversato quattro gradi di giudizio”. E’ la riflessione dell’avvocato Vittorio Manes, difensore della dirigente regionale dell’Emilia-Romagna Filomena Terzini, dopo l’assoluzione della propria assistita nell’appello bis del processo Terremerse, che vedeva imputato anche l’ex governatore Vasco Errani. Anche l’altro difensore di Terzini, Nicola Mazzaciuva, ha ricordato che nell’ udienza in Cassazione “lo stesso procuratore generale aveva chiesto l’annullamento senza rinvio che avrebbe evitato questo inutile, a questo punto, ulteriore grado processuale”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.