Pratello. In una notte la via si riempie di scritte anarchiche

Bologna, 5 apr. – C’è la classica A cerchiata dell’anarchia, e ci sono tutti gli slogan – anche questi ormai classici – di quell’area politica. Dall’amore per l’insurrezione all’insofferenza per tutte le gabbie e le sbarre, mentali e fisiche. Tanto più se si tratta di carceri, che sarebbe meglio vedere “bruciare” o “in macerie”. Ma c’è anche l’odio per la polizia espresso in lettere (“Acab”) e in numeri (“1321”), una bestemmia apposta su una serranda e un “ti amo insurrezzione” con una z di troppo. Sono le scritte apparse in gran numero nella notte in via del Pratello. A documentare con una galleria fotografica l’azione di scrittura notturna, che si è interrotta a metà almeno in un caso (“Il 25 aprile non è una…”), è stato il comitato di residenti al Crusèl Pratello-Pietralata-San Francesco. In un comunicato il comitato racconta di aver trovato di prima mattina una “strada completamente devastata da scritte deliranti eseguite in spray nero”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.