Più grande e internazionale, quinta volta per SetUp Contemporary Art Fair

unnamedBologna, 17 gen. – Alla quinta candelina SetUp Contemporary Art Fair, la fiera indipendente d’arte contemporanea, diventa più grande e più internazionale. In questa edizione del 2017, dal 27 al 29 gennaio negli spazi dell’Autostazione di Bologna e nei giorni di ArteFiera, sono 60 le gallerie presenti: un quarto provengono da Usa, Germania, Portogallo, Irlanda, Grecia e Spagna.

Una delle cinque sezioni in cui è organizzata la fiera, P(i)gs can fly, è dedicata proprio ai Paesi mediterranei . Le altre quattro sezioni sono la Main section, con gallerie che hanno proposto un progetto curatoriale con almeno un artista under 35 presentato da un curatore sempre under 35; il Solo Show ovvero sei gallerie che presentano opere di un solo artista, il Drawing the world II (curata da Mònica Alvarez Careaga, curatrice e direttrice di Drawing Room Madrid) e, per la prima volta, S.o.s. SetUp Open Space, lo spazio dedicato a 9 progetti sperimentali.

La quinta edizione ripropone il format consolidato che coinvolge le tre figure chiave del sistema dell’arte contemporanea – artista, curatore critico, gallerista – facendole interagire. Il tema di quest’anno è l’equilibrio, erede simbolico del tema
dell’orientamento trattato nell’edizione passata, che prende le sue mosse dal pensiero del filosofo Søren Kierkegaard , secondo cui “Osare è perdere momentaneamente l’equilibrio, non osare è perdere se stessi”. Una massima che riprende l’essenza
originale del progetto SetUp, nato con l’intenzione di cambiare i meccanismi dell’arte.

“Abbiamo voluto coinvolgere associazioni culturali e collettivi – ci ha spiegato Simona Gavioli, presidente SetUp –  che oseranno secondo il tema di quest’anno”.

      Simona Gavioli, presidente SetUp

In programma anche quattro premiazioni, il Premio SetUp, il Premio Residenza Casa Falconieri, il Premio Alviani ArtSpace e il
Premio Tiziano Campolmi. Talk sulla cultura nell’atrio dell’Autostazione ma anche spazio per i libri, bambini e buon cibo. Per il sesto compleanno, infine, dovrebbe essere già in piedi il progetto – ancora in itinere – che vede la riqualificazione del tetto dell’autostazione per far nascere una terrazza con un bar vista Bologna.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.