“Brutta scimmia torna al tuo paese”. Studentessa picchiata e insultata dall’autista del bus

Bologna, 27 apr. – Una studentessa diciottenne ha riferito di essere stata aggredita, picchiata e insultata in modo razzista sabato sera dall’autista di un bus di linea Tper a Castel Maggiore, alle porte di Bologna. Lo riporta il Resto del Carlino, precisando che la ragazza, cittadina italiana d’origine marocchina, è stata dimessa dall’ospedale di Bentivoglio, dopo una notte in osservazione, con prognosi di 40 giorni per ‘contusione al rachide e all’addome con soffusione emorragica’. Sull’episodio indagano i carabinieri chiamati dalla ragazza, mentre alcuni passanti fotografavano con il cellulare il bus ripartito subito dopo.

“Stavo andando con mia cugina da mia zia – racconta al quotidiano – Quando la corriera è arrivata al capolinea io sono scesa per ultima. Mentre già avevo un piede sulla scaletta, l’autista ha prima accelerato e poi inchiodato. Gli ho chiesto stupita cosa stesse facendo e lui mi ha detto: ‘La prossima volta ti muovi, tr…'”. La ragazza gli ha risposto: ‘Ma stai zitto, idiota’. Poi è scesa. “Pensavo fosse finita lì – continua – invece quando mi sono girata me lo sono trovato addosso. Era sui 50 anni, corporatura media. Mi ha dato due schiaffi, ma li ho parati con le braccia. Allora ha preso la rincorsa e mi ha sferrato un calcio potentissimo con lo scarpone antinfortunistica all’addome, all’altezza del basso ventre.
Mentre lo faceva mi ha insultata: ‘Brutta scimmia, torna nel tuo paese. Ti mando all’ospedale’. Ho sentito un male terribile, sono caduta, ho sbattuto la schiena sul marciapiede e non sono più riuscita a muovermi”.

“In relazione alla gravità del fatto avvenuto nella serata di sabato 25 aprile al capolinea di Castel Maggiore della linea 98 – si legge in un comunicato Tper – l’azienda ha sospeso in via preventiva dal servizio il conducente coinvolto nell’episodio, in attesa delle risultanze della commissione d’inchiesta interna che è già stata nominata, come previsto dalle normative e dalle procedure interne, ed è al lavoro sul caso”. Per l’autista anche la sospensione dello stipendio. L’uomo, 50 enne con decenni di servio alle spalle, sarà valutato da una comissione creata dall’azienda. Nella commissione anche elementi esterni in rappresentanza dei sindacati e dell’ispettorato del lavoro. L’Azienda spiega di essersi messa a disposizione delle Forze dell’Ordine “offrendo la massima collaborazione per l’accertamento dell’esatta dinamica dei fatti”.

Il sindaco, Virginio Merola, ha espresso “solidarietà e vicinanza a Tellage Hajar per l’aggressione subita”. “Bologna –  commenta – non può e non deve rimanere indifferente di fronte a gesti di violenza disgustosi e non giustificabili come quello che ha subito la giovane. Quanto è accaduto è intollerabile e va condannato con forza, senza se e senza ma. Occorre da subito chiarire quanto avvenuto e prendere provvedimenti severi, perché simili episodi non si ripetano più”.

“Se è tutto vero mi sembra che si tratti di un innalzamento del livello di razzismo nell’animo della gente davvero inquietante, un fatto di una gravità assoluta”, commenta l’assessore del comune di Bologna Amelia Frascaroli.

“Da quando sono presidente di Tper – ha sottolineato la presidente di Tper, Giuseppina Gualtieri – non era mai capitata una cosa simile. In quanto presidente donna, la cosa mi coinvolge ancora di più. Daremo conto a tutti della situazione quando saranno completate tutte le verifiche”. Alla studentessa è andata la “piena solidarietà di tutta l’amministrazione comunale”, ha aggiunto l’assessore bolognese ai Trasporti Andrea Colombo, “per un episodio gravissimo, non degno della tradizione cittadina. Confidiamo nel lavoro della commissione interna e della magistratura”.

Anche per il Pd, per bocca del segretario Francesco Critelli, quanto avvenuto è “un atto gravissimo, di una violenza inaudita e va condannato anche per la sua matrice razzista. Ci attendiamo misure severe nei confronti del colpevole, in attesa delle indagini. Bologna, città dell’accoglienza, non può accettare episodi di questo genere e il Partito democratico sarà sempre attivo affinché simili atti non si verifichino di nuovo”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.