Piazza San Francesco. Stop a bonghi, birre e vetro

Bologna, 6 lug. – Giro di vite anti-movida in piazza San Francesco a Bologna: stop al consumo di bevande in contenitori di vetro e lattine e bevande alcoliche in qualsiasi contenitore; divieto di abbandonare contenitori vuoti, lattine, bottiglie di vetro e rifiuti vari; divieto di suonare “qualsiasi strumento musicale” e “utilizzare apparecchi destinati esclusivamente alla riproduzione e diffusione musicale e sonora”.

E’ quanto dispone un’ordinanza del Comune di Bologna in vigore da oggi fino al 30 ottobre nella fascia oraria che va dalle 17 alle 6 del giorno successivo per l’area di piazza San Francesco (compresa la parte fino a Piazza Malpighi e fino a via del Pratello), via del Borghetto e via de’ Marchi.

L’ordinanza, informa il Comune, “si e’ resa necessaria per il propagarsi di atti di inciviltà urbana come schiamazzi, bivacchi, consumo di alcolici per strada, vendita abusiva di alcolici, il tutto unito a fenomeni di criminalità che causano situazioni di degrado e comportamenti pericolosi per i residenti e per i cittadini che transitano nella zona”.

Senza dimenticare “il disturbo alla quiete pubblica provocato da numerosi gruppi di persone che stazionano nell’area della piazza anche suonando strumenti musicali o utilizzando apparecchi per riprodurre musica”. Il tutto ha sommerso i vigili urbani di segnalazioni e lamentele e “per queste ragioni è stata firmata l’ordinanza che- si ricorda da Palazzo D’Accursio- rientra nei poteri del sindaco di adottare provvedimenti contingibili e urgenti per tutelare l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana”.

Piazza San Francesco un venerdì di fine giugno.

La violazione del divieto di consumare bevande in contenitori di vetro e lattine e bevande alcoliche in qualsiasi contenitore e l’abbandono di rifiuti comportano una sanzione amministrativa da 100 a 500 euro (200 euro in misura ridotta) ed è disposto il sequestro amministrativo: “Prima della contestazione della violazione, il trasgressore viene diffidato a sanarla interrompendo il comportamento che l’ha determinata. Se ciò non accade immediatamente, scatta la sanzione”, precisa il Comune.

La violazione invece del divieto di suonare strumenti musicali o utilizzare apparecchi destinati esclusivamente alla riproduzione e diffusione sonora comporta la sanzione amministrativa da 300 a 500 euro (400 euro in misura ridotta). Si applica inoltre la sanzione amministrativa accessoria della confisca degli strumenti di produzione o diffusione di musica o altri suoni.

Intanto nella serata di ieri, la Polizia municipale ha svolto un servizio straordinario nell’area di piazza San Francesco dalle 20 alle 4 con sette pattuglie composte in tutto da una ventina di agenti. Durante il servizio, “che si e’ svolto senza particolari criticità”, sono state sequestrate a venditori abusivi 20 bottiglie di birra, una bicicletta e 186 oggetti, e in seguito sono state recuperate altre 10 bottiglie di birra frutto di commercio abusivo. Alle ore 1,30 si e’ attivato il servizio di pulizia della piazza da parte di Hera.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.