Phill Reynolds: uno split e un disco in arrivo – live a Maps

phillreynolds

17 gen. – Dopo Love and Rage, Phill Reynolds non si è fermato: è andato in giro per festival, da solo e con i Miss Chain and the Broken Heels, e ha lavorato a un disco molto particolare insieme al musicista del North Carolina Matthew Paul Butler, con il quale condivide un amore per il folk di stampo statunitense: “Abbiamo scelto quattro titoli, due a testa, e per ogni titolo ognuno ha creato una canzone”. Una di queste è “Hey Kid”, che Phill ha suonato dal vivo a Maps poco prima del live a Nero Factory di venerdì scorso: “La canzone è per il mio fratellino Isaia, che ha quasi 9 anni: si sta appassionando alla seconda mia grande passione dopo la musica, il basket”. E l’ardore per i Boston Celtics che freme nel musicista vicentino è stato stuzzicato anche dai nostri ascoltatori che, durante la chiacchierata in diretta, l’hanno punzecchiato con messaggi relativi alla squadra rivale dei Lakers.

Il processo però non è stato isolato: “Eravamo curiosi del lavoro che stavamo compiendo e ci siamo mandati delle idee via whatsapp, ma non c’è stato nessun suggerimento o interferenza: massima libertà. Matthew ha la fortuna/sfortuna di avere un padre predicatore: i suoi testi sono quindi naturalmente ricchi di riferimenti biblici, per quanto non sia credente e venga dalla scena crust-punk“. Due mondi agli antipodi solo in apparenza, visto che Phill nei nostri studi ha suonato anche una cover degli Snapcase, tra le leggende del punk hardcore americano.

Ma le novità non sono finite e sono grosse: “Stiamo ultimando in questi giorni il missaggio del prossimo disco: oltre alla collaborazione di C+C=Maxigross e di Stefano Pilia, c’è un brano a cui ha contribuito Iosonouncane che è diventato quasi R&B, non ha praticamente chitarra. Il disco racconta tre giorni nella vita di un fuggiasco, costretto a bersi tutti i soldi che ha: in un sogno, a metà disco, svela una presenza femminile costante nella storia. Infine si ritrova in carcere, ma non posso svelarvi altro”. Lo ascolteremo tra un anno o forse anche di più, ma questo live nei nostri studi e lo split di prossima uscita ci permetteranno quanto meno di ingannare l’attesa.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.