People mover: tutti assolti. Il procuratore Amato:”La prescrizione è vicina”

people-mover-bigBologna, 7 dic – Il Tribunale di Bologna ha assolto oggi tutti gli imputati del processo sul People mover, da tutti i reati ipotizzati, “perché il fatto non sussiste”. Sia per l’ex sindaco Flavio Delbono che per l’ex assessore Villiam Rossi (entrambi accusati abuso d’ufficio) i pm Giuseppe Di Giorgio e Antonella Scandellari avevano chiesto una condanna ad un anno e quattro mesi con sospensione condizionale della pena.

La Procura aveva poi chiesto un anno e sei mesi, oltre ad una multa di 800 euro a testa, per Piero Collina (ex presidente di Ccc, il Consorzio cooperative costruzioni) e Francesco Sutti (ex presidente di Atc), imputati per turbativa d”asta e abuso d’ufficio. Per la dirigente comunale Francesca Bruni la pena richiesta era stata invece di un anno, sempre per abuso d”ufficio, mentre per altri due dirigenti di Palazzo D’Accursio (Cleto Carlini e Patrizia Bartolini) era stata chiesta l”assoluzione sia per l”abuso d”ufficio che per la di turbativa d’asta.

Secondo l’accusa, il bando di gara per la realizzazione della monorotaia tra stazione e aeroporto (i lavori sono intanto iniziati) fu ‘cucito addosso’ al Ccc anche grazie a un accordo occulto tra lo consorzio e l”azienda di trasporto pubblico Atc (poi confluita in Tper).

Il processo sul People mover “non poteva che concludersi così”. E’ il commento dell’avvocato dell”ex sindaco di Bologna, Flavio Delbono. Il collegio giudicante ha assolto tutti gli imputati perche” il fatto non sussiste, in base al comma 2 dell’articolo 530 del Codice di procedura penale, che dà al giudice la possibilita” di pronunciare una sentenza di assoluzione anche quando manca, è insufficiente o è contraddittoria la prova.

La formula con cui si è concluso giustifica ampiamente che il processo doveva essere fatto” dice il procuratore di Bologna, Giuseppe Amato. Ci sarà appello? “Tutte le sentenze – ha risposto Amato – vanno lette, e poi ci si determina se impugnarle o meno. Qui il tema che ci si dovrà porre, visto che ragioniamo in termini di processo penale, è quello della tempistica. I tempi di prescrizione del reato sono prossimi”.

Oggi l’ex sindaco Delbono non era in aula ad attendere l”esito del processo. C”erano invece Piero Collina (ex presidente del Ccc), Cleto Carlini e Francesca Bruni (dirigenti del Comune di Bologna). In aula anche diversi rappresentanti del comitato No People mover, parte civile nel processo, i cittadini contrari alla realizzazione dell’opera.

Per il comitato No People mover è il giorno della grande delusione: “Non ci spieghiamo il perché di una sentenza a nostro parere illogica”. Lorenzo Alberghini, portavoce del comitato, a caldo commenta così le sette assoluzioni arrivate oggi. “Durante il dibattimento sono emersi dei fatti gravissimi, che questa sentenza non spiega. Quindi- afferma Alberghini, lasciando il Tribunale- aspettiamo le motivazioni per decidere come proseguire nella nostra battaglia, che crediamo essere sacrosanta. Ci sono documenti. Esiste un contratto, che la Procura ha definito occulto, che e” servito per spiazzare la concorrenza di Acciona-Ghella e che ha aiutato Ccc a vincere il bando”

(Dire)

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.