Passante Nord, si riaprono i giochi. Delrio: “Stiamo ancora valutando”

passante nordBologna, 13 nov. – Il Passante Nord non è passato, o almeno non lo è ancora. Per seppellire definitivamente la grande opera non basta l’opposizione dei sindaci del territorio e del sindaco metropolitano Virginio Merola, che in conferenza stampa ha parlato del Passante Nord come di un’opera non più interessante per il territorio.

A riaprire i giochi il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio. “C’è un approfondimento in corso che non è affatto determinato – fa sapere la portavoce del ministro al Corriere di Bologna – Ci sono degli impegni che sono stati presi e che hanno validità giuridica e quindi noi ci impegneremo a fare un’analisi sui costi e sui benefici e sull’impatto che ha l’opera che in alternativa viene proposta. Il caso è ancora aperto”. Solo due mesi fa Delrio parlava di “tempi brevi” per il Passante e di cronoprogramma già pronto per la realizzazione dell’opera. Il presidente della Regione Stefano Bonaccini ha invece detto che “è fondamentale dialogare con Autostrade e non si può però non tenere conto della Città metropolitana”.

L’intervista all’assessore regionale ai trasporti Raffaele Donini.

      donini lungo

Ad Autostrade, ha spiegato in Commissione trasporti in Regione l’assessore Donini, “si è chiesto di valutare un progetto alternativo: l’ampliamento in sede di A14 e Tangenziale, con tre corsie più quella di emergenza per ogni senso di marcia. Alla Regione pare che questa sia un’alternativa possibile, anche perché il Ministero ha sempre confermato che i fondi già stanziati sarebbero compatibili con questa soluzione”.

“La svolta netta che stiamo portando avanti si fonda con il Piano operativo comunale per le aree dismesse e con il Piano operativo comunale in attuazione per riqualificazioni urbane sul già costruito – scrive invece sul suo sito il sindaco Merola – Da qui la scelta ultima del no al Passante Nord. Oggi ci sono le condizioni per investire le risorse destinate al Passante su una riqualificazione dell’attuale tracciato autostrada-tangenziale che permetta di risolvere la congestione del traffico e di realizzare un’adeguata mitigazione ambientale per le residenze a ridosso del tracciato”. “Il Passante Nord – scrive il sindaco –  invece,contrasta con la visione urbanistica di Bologna come città compatta che prende sul serio il tema della riduzione del consumo di suolo. Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) prevedeva un tracciato esterno a Bologna secondo l’idea superata di uno sviluppo espansivo e policentrico dell’area metropolitana. Invece, per una coerente prospettiva di sistema, il fatto che Aeroporto, Fiera, Stazione AV siano dentro Bologna è un grande potenziale di attrattività e accessibilità per la Città Metropolitana e per la Regione”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.