Passante. Bernardini: “Prima dei cantieri se ne discuta in Consiglio comunale”

Bologna, 7 Feb. – Una seduta di commissione alla settimana, con udienze per ascoltare cittadini e categorie economiche. Meno di un mese di tempo per dettare le proprie osservazioni e prescrizioni. Osservazioni e modifiche in fase di Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA) del progetto sul Passante di mezzo dovranno passare dal Consiglio Comunale. È questo il contenuto dell’ordine del giorno presentato ieri durante la seduta a Palazzo D’Accursio dal consigliere di Insieme Bologna, Manes Bernardini.

Se da un lato è arrivato il sì della capigruppo straordinaria sull’ammissibilità del tema, dall’altro il Consiglio Comunale non è riuscito per questioni di tempo a votare il documento. Nel testo, simile a quello presentato a dicembre da Amelia Frascaroli e appoggiato da alcuni dem, il consigliere ha chiesto che il Consiglio “s’impegni, prima della scadenza della VIA, a convocare un numero sufficiente di commissioni consiliari, tale da approfondire ogni aspetto di cui al progetto definitivo, anche udendo le interessate rappresentanze della città, con lo scopo di formare ed, infine, adottare un documento di sintesi da sottoporre al voto del Consiglio“.

Ospite a Oltre le Mura, Bernardini ha confermato la sua opposizione al Passante di mezzo e si è detto, invece, favorevole a una rivalutazione sul progetto del “Passante Sud”, un raccordo che permetterebbe di superare il nodo di Bologna e collegherebbe alle principali autostrade con una parte di percorso in galleria. Secondo il consigliere di Insieme Bologna “avrebbe un minore impatto ambientale”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.