Parma alla urne per scegliere chi se la vedrà col debito

18 mag. – Domenica e lunedì prossimi a Parma i cittadini dovranno scegliere tra il candidato del centro sinistra Vincenzo Bernazzoli, 39% al primo turno, e quello del movimento 5 stelle Federico Pizzarotti, che aveva preso il 19%. La vecchia politica contro la nuova dicono i grillini, l’esperienza contro un salto nel vuoto rispondo dalle fila del centro sinistra. Il clima che si respira sulle rive della Parma è da finale dei mondiali: le due tifoserie sono tiratissime, la tensione sale e anche la pressione mediatica cresce. Anche perché pare che la città sia davvero contendibile.

Questa sera, alle 21 in piazzale della Pace, è atteso un nuovo comizio spettacolo di Beppe Grillo che tirerà la volata all’ingegnere 39enne Pizzarotti. Nei giorni scorsi il comico genovese ha parlato di Parma come della Stalingrado dei 5 stelle perché se i grillini ce la faranno in questa città italiana in cui si parla con la R francese “tutto sarà possibile” ha detto Grillo.

Ieri, il candidato del centro sinistra Bernazzoli ha chiuso la sua campagna elettorale chiamando a sostegno un altro comico Gene Gnocchi.

Nelle casse del Comune ci sono poco più di 25 milioni di euro ma i debiti con i fornitori ammontano a 35 milioni: entro giugno in sostanza, il nuovo sindaco dovrà decidere se pagare gli stipendi ai dipendenti o se pagare i fornitori. Idem per una delle partecipate del comune quella che gestisce, tra l’altro, gli asili e le scuole: in cassa ci sono 700mila euro e i debiti ammontano a 37milioni.
Come si viene fuori da questa situazione lo abbiamo chiesto agli sfidanti.

Bernazzoli Bernazzoli_debito

Pizzarotti Pizzarotti_debito

Se il grillino diventerà sindaco ha annunciato che l’economista Loretta Napoleoni e il giornalista esperto di decrescita Maurizio Pallante gli faranno da consulenti. Gente che viene da fuori che non conosce la città, risponde Bernazzoli.

Altro tema centrale della campagna è l’inceneritore. Il grillino è da sempre contrario, tanto da aver incassato il sostegno aperto del comitato Gestione Corretta dei Rifiuti. Bernazzoli invece è favorevole alla realizzazione dell’impianto che è in costruzione alla periferia della città.

Pizzarotti Pizzarotti_inceneritore

Bernazzoli Bernazzoli_inceneritore

Che indicazioni di voto hanno dato gli sconfitti del primo turno? Ufficialmente il pdl non si è espresso ma negli effetti si è spaccato: una parte ha proposto di votare il grillino, un’altra ha  risposto il grillino mai. Alfano se n’è lavato le mani e ha detto: se la sbrighino i parmigiani. Rifondazione non si è espressa così come l’ex assessore allo sport Ghiretti. Ubaldi, nelle prime ore dopo la sconfitta stava pensando di votare Pizzarotti.

Per sapere come andrà a finire, quanti andranno a votare e chi sarà il nuovo sindaco bisognerà aspettare le 15 di lunedì quando inizierà lo spoglio: in ogni caso, chiunque verrà eletto, finiti i festeggiamenti dovrà mettersi a lavorare e duramente per salvare la città dalla bancarotta.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.