Paolo Cento commissario di Sel in Emilia Romagna

paolo cento

Bologna 23 apr.- Sarà Paolo Cento il commissario di Sel in Emilia Romagna. L’attuale presidente dell’assemblea nazionale dei vendoliani, ex deputato dei Verdi, è stato nominato oggi dopo che la proposta di commissariamento è stata votata. Arriverà in regione per ricomporre la situazione dopo le dimissioni e l’addio al partito di Elena Tagliani.

A Cento spetterà il compito di “rendere più adeguata l’azione politica di Sel in regione e più fluidi i rapporti” spiega il deputato ravennate Giovanni Paglia. L’addio di Tagliani ha infatti riproposto il tema del rapporto con il Pd e delle alleanze in sede amministrativa. L’ex coordinatrice regionale aveva presentato una proposta di nuovo esecutivo regionale che è stata sfiduciata per soli tre voti anche se appoggiata dal coordinatore nazionale Nicola Fratoianni, presente all’assemblea.

Ora Cento dovrà confrontarsi con un partito che in Emilia Romagna esprime figure di prestigio come l’assessore alla cultura Massimo Mezzetti ma che dell’alleanza col Pd ha un’idea molto più organica che il vertice nazionale del partito.

“Avremo bisogno di riportare un’attenzione su alcuni territori che negli ultimi mesi non sono riusciti ad esprimere un’azione politica adeguata” spiega Paglia. “Il nostro tema non è se stare o no nelle giunte col Pd, il punto è che rapporti vogliamo avere con le forze alla nostra sinistra. E’ questo il tema centrale: ricostruire a sinistra”

l’intervista

Un “commissario facilitatore“, scrive oggi Cento su facebook. E al telefono all’agenzia Ansa aggiunge: “Il dibattito che c’è qui è comune alle altre regioni e riguarda tutta la sinistra italiana, e anche il centrosinistra. Alle prossime elezioni – ricorda – in tre regioni siamo alleati con il Pd (Umbria, Puglia e Veneto)”, come in Emilia-Romagna dove si è votato nel novembre scorso. In parlamento Sel invece è all’opposizione e nelle altre 4 regioni dove si vota si presenta con alleanze di sinistra ‘concorrenti’ rispetto al Pd: “E’ simbolico il sostegno al candidato Pastorino in Liguria, che è uscito dal Pd”, fa notare Cento. L’assemblea regionale che ha sancito la discordia ha fatto decidere a Tagliani le dimissioni da ogni incarico (anche dall’assemblea di Bologna, dove si lavora già per le comunali del 2016, e dall’assemblea nazionale), forse anche dal partito: oggi fa sapere solo che si è presa tempo per riflettere. “Spero che rimanga – ha commentato Cento – Sel deve essere una casa accogliente dove ognuno si sente a proprio agio”. Ora Cento, ex verde tra i fondatori di Sel e oggi presidente dell’assemblea nazionale del partito, incontrerà le varie realtà nelle nove province dell’Emilia-Romagna: “ho già ricevuto una grande disponibilità per un lavoro collettivo e comune, che spero sia il più largamente condiviso possibile per concluderlo entro la fine di settembre”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.