Niente tasse per richiedenti asilo. Zuppi chiama Ubertini: “Bravo”

ubertini

Bologna, 18 dic. – Nei giorni scorsi le critiche della Lega, oggi la benedizione del nuovo arcivescovo di Bologna Matteo Zuppi. Protagonista, in entrambe le circostanze, è Francesco Ubertini e il provvedimento discusso è quello, approvato la settimana scorsa dal senato accademico, di esonerare dalle tasse universitarie i richiedenti asilo, “poche decine di studenti” secondo il rettore.

Un atto dovuto“. Commenta Ubertini e replica alle critiche arrivate dalla Lega: “Ognuno è libero di criticare, ma credo che questo sia un segnale in linea con i valori e la vocazione internazionale dell’Alma Mater”. E aggiunge: “E’ una scelta che arriva da un input della Commissione europea”. E, se dal centrodestra arrivano le polemiche, il rettore incassa la “benedizione” dell’arcivescovo Zuppi. “Ci siamo parlati stamattina. Mi ha detto bravo. Ha apprezzato l’intervento che abbiamo fatto”, spiega Ubertini a margine di una conferenza in rettorato sull’approvazione del bilancio accademico 2016 da parte del Cda dell’Università.

Una manovra, quest’ultima, da 795 milioni di euro. 376 milioni provengono dal Fondo di Finanziamento Ordinario, 196 milioni sono stati stanziati per le strutture didattiche, di ricerca e amministrative, 23 milioni destinati al fondo per il sostegno degli studenti, 12 milioni per il diritto allo studio e 93 milioni, da qui al 2020, la cifra destinata a un piano pluriennale di investimenti per i “cantieri che l’Università ha ancora aperti”. In particolare il complesso del Navile e la Cittadella di Rimini.

Ubertini, inoltre, ha sottolineato una serie voci messe a bilancio che rappresentano i suoi “cavalli di battaglia”, interventi che aveva già annunciato in sede di campagna elettorale: 600.000 euro per compensare il nuovo calcolo Isee e 1 milione di euro per stabilizzare il personale tecnico-amministrativo.

 

di Giovanni Panebianco

 

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.