Né Patria né Matria. Al Tag di Granarolo la storia di Lydia Cacho

Né Patria né Matria. A Bologna la storia di Lydia Cacho

Lydia Cacho, giornalista, scrittrice e attivista messicana, per i diritti delle donne e dei bambini

Bologna, 17 feb. – Il giornalismo militante di Lidia Cacho Ribeiro arriva a teatro, sabato 18 e domenica 19 febbraio, al TaG di Granarolo dell’Emilia, con Né patria, né matria (che ci protegga), lo spettacolo della compagnia teatro#binomio, scritto e diretto da Emiliano Bulgaria, interpretato da Alessandro Tampieri e Cristina Nùghes.

Lydia Cacho è la giornalista, femminista, attivista messicana di fama internazionale autrice del libro Los Demonios del Eden (2005), frutto del suo lavoro di inchiesta sul traffico delle bambine, sul mercato del sesso e sulla rete criminale internazionale. Una rete a capo della quale c’è l’imprenditore alberghiero libanese di Cancu´n Jean Succar Kuri, una rete che protegge e sponsorizza la pedopornografia infantile con la protezione dal potere politico. Questa scoperta le è costata cara, come la stessa Cacho ha raccontato qualche anno dopo nel libro Memorie di un’infamia (2011), in cui ha narrato la sua esperienza, dalle origini della militanza accanto alle donne vittime di violenza fino all’arresto illegale da parte della polizia corrotta. Passanto per la tortura, le molestie, gli infiniti processi, le minacce di morte.

Ed è per questo che è importante parlare di lei, spiega la compagnia teatro#binomio, “perché oltre al suo coraggio è viva anche grazie alla mobilitazione dell’opinione pubblica e all’appoggio di colleghi e colleghe del mondo del giornalismo e, più in generale, di quello dei mezzi di comunicazione”.

La pièce, scritta per due attori, si sviluppa attraverso l’adattamento drammaturgico di alcuni episodi della vita della giornalista, approfondendo le tematiche affrontate nelle sue inchieste, aspetti pubblici e privati delle sue lotte accompagnando lo spettatore alla scoperta di questa donna e della sua tenacia.
“teatro#binomio” spiegano gli autori “vuole mettere in scena uno spettacolo che possa raggiungere chiunque, raccontando così quella verità per cui Lydia combatte quotidianamente.”

L’intervista di Riccardo Tagliati ad Alessandro Tampieri, uno degli attori dello spettacolo.

di Chiara Magrone

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.