Monica Mischiatti: “Quanti torti fatti a Marco e a noi radicali”

Bologna 19 mag. – Marco Pannella è venuto tantissime volte a Bologna, per tenere comizi nella città del Pci che gli era anche ostile. Come ricorda Monica Mischiatti, storica militante radicale bolognese, “L’appuntamento col leader libertario, un po’ pazzo, anticomunista che i ‘compagni’ dicevano veniva in piazza a provocare era rifiutato dai militanti del Pci della città, per noi militanti era un appuntamento fondamentale che doveva riuscire al meglio: facevamo delle faticate incredibili…”.

Pannella nel 1977 si schierò contro la repressione poliziesca del movimento, l’ultima volta che fu a Bologna fu nel 2009 accanto al politologo Gianfranco Pasquino che si era lanciato nella corsa a sindaco ed era appoggiato dai radicali.

comizio radicale

foto dal profilo Facebook di Monica Mischiatti, comizio radicale nel 1987 a Bologna

Mischiatti ha trovato nella scatola dei ricordi molte foto, dei fotografi Mario Rebeschini e Pasquale Spinelli, dei comizi di Pannella in città. Allo stesso tempo non ce la fa a non sottolineare i tanti torti che sono stati fatti a Pannella e ai radicali rispetto alla titolarità delle battaglie come quella del divorzio e dell’aborto. “Così è stato sul referendum sul divorzio, dopo la vittoria al referendum il Pci si è intestato il risultato ma non era così” spiega Mischiatti.

foto in home tratta da profilo Facebook del Mit, movimento identità transessuale, ritrae Marco Pannella con Marcella Di Folco, la storica attivista trans che a Bologna fu consigliera comunale.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.